Wwwrepubblicait pubblico
[search 0]
Altro

Scarica l'app!

show episodes
 
Jungle Europa è la voce “pop“ per avvicinarsi alle elezioni europee del 26 maggio all’interno del progetto Eu4You. Una voce che unirà due esperienze innovative, quella di Bulle Media nel campo dei podcast e quella del Visual Lab, team di sperimentazione del Gruppo Gedi.
 
L’incredibile storia del Casale Football Club, la prima "cenerentola" capace di sovvertire tutti i pronostici e vincere il campionato di calcio 1913-1914. La Prima Guerra Mondiale fece dimenticare fascino e imprese di una squadra eccezionale. La prima puntata (sei in tutto) si può ascoltare gratuitamente; le altre, in abbonamento, saranno pubblicate ogni martedì dal 28 gennaio. di Marco Boarino, Giovanni Cerino Badone, Gianfelice Facchetti, Gipo Gurrado
 
Fantasmi, misteri e amori: dieci brevi racconti da ascoltare sotto l’albero di Natale. C’è il mitico Scrooge, il ricco e avaro finanziere della Londra vittoriana protagonista di Canto di Natale di Charles Dickens. C’è la coppia spettrale che si aggira in una vecchia casa alla ricerca di un tesoro nelle pagine di Virginia Woolf. C’è la campagna inglese in cui si perderà il protagonista di Rudyard Kipling. L’amore che nell'America ruggente degli anni '20 insegue due bambini fino all’età adulta ...
 
Loading …
show series
 
La prima cosa bella di lunedì 19 ottobre 2020 è quella che fai pensando che potrebbe essere l’ultima volta. Dovrebbe esserci un senso di nostalgia anticipata. Invece. In questo tempo precario molte cose sono così. La differenza è che ora lo sappiamo. Quando ho preso l’aereo per rientrare da New York l’1 marzo non pensavo che quella rotta potesse di…
 
Inchiesta sul marciatore italiano Alex Schwazer e sul complotto che lo ha distrutto per aver infranto l’omertà dell’atletica dei record e dei signori del doping. Di Carlo Bonini (coordinamento editoriale e testo), Attilio Bolzoni e Fabio Tonacci, Francesco Giovannetti (video). Coordinamento multimediale Laura Peertici. Grafiche e video di GEDI VISU…
 
Quando la scorsa primavera Lucia Azzolina divenne ministra dell’Istruzione, da piò parti si notò come avesse una spiccata somiglianza con Sabina Guzzanti, il che spinse quest’ultima a pubblicare sui social due foto a confronto commentando: “Mi è stato riferito che la ministra va in giro facendo la mia imitazione“. Bene, a sei mesi di distanza si re…
 
Inchiesta sulla piò silenziosa delle stragi. Perché in Italia, ogni giorno, tre lavoratori perdono la vita nell’indifferenza di tutti. Di Carlo Bonini (coordinamento editoriale e testo), Sarah Martinenghi, Massimo Pisa, Marco Lignana, Marco Patucchi. Coordinamento multimediale Laura Pertici. Grafiche e video di GEDI VISUAL…
 
La prima cosa bella di lunedì 12 ottobre 2020 è sapere (non pensare, sapere) che di fronte alle tragedie le masse reagiscono meglio di ogni previsione. Tutte le storie che racconterò questa settimana sono ispirate da un libro fondamentale: Una nuova storia (non cinica) dell’umanità, scritto da Rutger Bregman, edito da Feltrinelli.…
 
Dei delitti e delle pene nell’era del trash diffuso e prolungatissimo. Donde un quesito ad alto tasso di pretestuosità: è piò grave che Fausto Leali abbia pronunciato la parola ’negro’ o che a stabilire i canoni di comportamento sia Il Grande Fratello da cui il medesimo Leali è stato, coram populo, espulso?…
 
La prima cosa bella di lunedì 5 ottobre 2020 è il primo giorno da beato di padre Olinto Marella, l’unico futuro santo che mi abbia mai sfiorato. L’hanno proclamato ieri. Non era neppure “padre“, era un don, ma si occupava di orfani e diseredati che lo consideravano un secondo genitore.
 
Sempre cara gli fu la sede, cosiddetta ’federale’, di via Bellerio, che per la verità non è mai stata bella, ma non per questo i leghisti hanno pensato e pensano ancora di vendere; e prima o poi finirà così perché troppi pasticci, troppi capricci, troppi impicci hanno continuato a combinare da quelle parti, nella piò scontata e grottesca continuità…
 
I cinque giorni in cui il leader della Lega sospese la legge del mare. Storia della nave Gregoretti, del suo carico di migranti e dei cinque giorni in cui il leader della Lega sospese la legge del mare, le convenzioni e il diritto internazionale. E di un giudizio per sequestro di persona spacciato come “un martirio“ . di CARLO BONINI (COORDINAMENTO…
 
La prima cosa bella di lunedì 21 settembre 2020 è Il cielo in una stanza e la donna che la canterà all’infinito, o quasi. Lei si chiama Alessandra Bordiga. La scorsa primavera un suo amico è stato colpito dal coronavirus e ricoverato in una stanza d’ospedale. Per confortarlo decise di cantare una canzone per lui e mandargli la registrazione. Scelse…
 
La prima cosa bella di lunedì 14 settembre 2020 (primo giorno di scuola) è la scuola piò sicura del mondo. Peccato l’abbiano chiusa. Esiste ancora, la Abo Elementary School. Si trova ad Artesia, nel New Mexico. Fu costruita nel 1962 durante la Guerra Fredda. L’idea fu del presidente Kennedy. Voleva la realizzazione di strutture pubbliche capaci di …
 
La mascherina sul viso prima del tempo è certo un cortocircuito pretestuoso, una forzatura casuale, una coincidenza che parla piò del presente che del passato. Ma se c’è una figura che da 63 anni reca un’impressionante attualità, persino fotogenica, ecco, questa figura è Curzio Malaparte (1898-1957), che fu grande giornalista e grandissimo scrittor…
 
Alterazioni politiche e geografiche: a quattro anni dal terremoto del 2016-17 c’è un bel pezzo d’Italia che rischia semplicemente di non essere piò tale. Ed è un pensiero amaro, ma forse bisognava allarmarsi fin dall’inizio, e precisamente dal momento in cui tutti, ma davvero tutti, le massime cariche dello Stato in testa, pronunciarono quella fras…
 
L’dentità di un popolo risiede nella sua storia & ndash; ha scritto Benedetto Croce & ndash; in tutta la sua storia, in nient’altro che la sua storia». Il punto cruciale è se non sia il caso, o meglio non sia arrivato il momento di considerare nel divenire degli italiani tutto ciò & ndash; ed è moltissimo & ndash; che negli ultimi 40 anni è stato p…
 
Ma poi: chi è stato veramente Licio Gelli? A 40 anni ormai dalla strage di Bologna viene da chiedersi che cosa dovrebbe pensare chi non c’era del Maestro Venerabile della P2; e per quanti articoli l’attempato tenutario di questa rubrichetta abbia dedicato al soggetto, non può che confessare il proprio smarrimento: imbroglione o assassino stragista?…
 
di Carlo Bonini, coordinamento multimediale Laura Pertici, grafiche e video di Gedi Visual. Inchiesta sul massacro di quaranta anni fa e sui suoi mandanti. L’attentato piò cruento che ha conosciuto la storia repubblicana, con 85 vittime e 200 feriti. Ecco i legami tra il terrorismo neofascista dei Nar e i servizi segreti deviati dell’Italia della P…
 
di Carlo Bonini (coordinamento), Laura Pertici (coordinamento multimediale), grafiche e video a cura di Gedi Visual. Inchiesta sul latitante di mafia piò ricercato al mondo: il boss di Castelvetrano accusato delle stragi del 1993 è un fantasma da 27 anni. Testimonianze inedite di chi non ha smesso di dargli la caccia e di quanti gli sono stati vici…
 
La prima cosa bella di lunedì 20 luglio 2020 sono le nostre anime di notte. Qualunque cosa facciano. Soprattutto se guardano il film con quel titolo e con Jane Fonda e Robert Redford. Lo trovate su Netflix. E’ tratto dal terminale romanzo di Kent Haruf. Racconta la storia di due ottantenni che cercano il modo di attraversare la notte prima che facc…
 
Nell’anno bisestile 2036 potrebbe finalmente terminare il Kali Yuga, processo che secondo l’escatologia induista avrebbe fin qui lasciato correre la civiltà verso la sua decadenza. In quello stesso 2036, secondo previsioni della società di consulting Pricewaterhouse, il volume delle attività bancarie degli Emerging Seven (Cina, India,Russia, Brasil…
 
La prima cosa bella di giovedì 16 luglio 2020 è la fortuna di essere nessuno, che ha salvato la vita a Ulisse e al pilota scozzese ammalato di Covid in Vietnam. Del primo, e di come gabbò Polifemo, sapete. Il secondo, Stephen Cameron, aveva fatto scalo a Ho Chi Minh City, aveva passato un’allegra serata al Buddha Bar e ne era uscito con il virus ad…
 
La prima cosa bella di mercoledì 15 luglio 2020 è un mito delle nostre vite e il titolo di un bellissimo racconto di A.M.Homes: l’ultima stagione felice. E’ compreso nella migliore raccolta del 2020: Giorni terribili, appena edita da Feltrinelli. Parla di un uomo che torna a Disneyland, dove era stato con i genitori prima che si separassero: ’Il mo…
 
di Carlo Bonini, testo di Gabriele Romagnoli, Lorenzo D’Albergo, Corrado Zunino, coordinamento multimediale di Gedi Visual. Viaggio in sei tappe nella capitale incompiuta e abbandonata. Tra ciò che resta di ciò che non è mai stato. Lì dove l’abbandono sembra avere piò fantasia della creazione. E una città si specchia nella sua maledizione…
 
La prima cosa bella di martedì 14 luglio 2020 è la donna che per amore sfidò il Covid, lavando i piatti ed entrando in una canzone. La donna vive in America ed è sposata a un uomo da anni malato di Alzheimer. Lui è ricoverato in una clinica e, a causa del virus, le è stato vietato l’accesso.
 
La prima cosa bella di lunedì 13 luglio 2020 è un avviso bilingue italiano/cinese su un cartello appeso nel condominio alla periferia di Bologna dove sono cresciuto. Dice: “Si prega di riagganciare correttamente la cornetta del citofono. Sempre piò spesso non viene fatto creando disservizi, Grazie“. Segue la traduzione cinese: 13 caratteri, 2 righe…
 
La prima cosa bella di venerdì 10 luglio 2020 è l’arresto al Cairo di un giovane egiziano accusato di stupro seriale. Può sembrare una non notizia, invece è l’uomo che morde il cane. Ho vissuto per un anno in Egitto e conosciuto quella situazione: se una donna denuncia una violenza, ne subisce un’altra. In un sondaggio fatto dall’Onu 99 intervistat…
 
Se ridendo si finisce per dire ciò che si pensa; e se i social rappresentano l’inconscio della società, ecco che nei giorni piò tosti del coronavirus su Instagram si è affacciato un giovane aspirante comico che però non faceva tanto ridere, un ragazzo con i capelli e la barbetta rossicci: «Il piò grande problema di questo Paese» questo l’esordio «s…
 
La prima cosa bella di giovedì 9 luglio 2020 riguarda Belen, Stefano de Martino, Douglas Kirkland, il fotografo che inventò Marilyn tra le lenzuola, e quella vecchia cosa chiamata sesso. Ci ripenso, sorvolando le nuove avventure della coppia italo-argentina. Era un’estate di qualche anno fa. Sul set di una villa con piscina a Los Angeles, la soubre…
 
La prima cosa bella di mercoledì 8 luglio 2020 è il destino di Miguel de Cervantes, prova assoluta che ci affanniamo per niente ed esiste una giustizia a cui non si sfugge. Era il 1570 quando, nella sua natìa Spagna, Cervantes venne accusato di aver ferito un altro uomo durante un duello a Madrid.
 
La prima cosa bella di lunedì 6 luglio 2020 è quel che ti può succedere quando mandi un messaggio al numero di telefono sbagliato. Su Twitter ha entusiasmato la storia di una donna americana che ha informato un perfetto sconosciuto di aver dato alla luce un bambino, con tanto di nome e peso. L’altro si è congratulato, poi ha aggiunto: ’Non so chi t…
 
di Carlo Bonini (ccordinamento e testo), Laura Pertici (coordinamento multimediale), Gedi Visual (video e grafiche). Viaggio-inchiesta nel mondo dei docenti italiani. Sono 835 mila, professoresse e professori, maestre e maestri. Disegnano la scuola ma molti di loro, duecentomila, sono precari. Ostaggi di un percorso a ostacoli fatto di concorsi, gr…
 
La prima cosa bella di venerdì 3 luglio 2020 sono gli amanti che tornano in treno dopo essersi incontrati per la prima volta, alla fine del lockdown che li ha tenuti lontani. Lui abita a Milano, lei a Salerno. Quando si salutano alla stazione Centrale l’uomo è veloce, furtivo, si allontana in fretta, torna dalla moglie, dai figli: la vacanza segret…
 
«Dio creò l’uomo a sua immagine & ndash; è scritto nella Genesi (1-27) & ndash; maschio e femmina li creò». Ma senza che suoni come un richiamo fondamentalista, da un paio di settimane l’ultima versione di FaceApp è dotata di uno speciale filtro creatore, e con un paio di clic sul telefonino è possibile trasformare il maschio in femmina e viceversa…
 
La prima cosa bella di mercoledì 1 luglio 2020 è Sherlock Holmes e il vero motivo per cui, comunque si presenti, lo amiamo. Negli ultimi giorni l’ho visto dare l’ennesimo ultimo saluto in Elementary con a fianco una Watson asiatica e poi riapparire accanto alla sorella Enola in una versione su Netflix che ha indotto i discendenti a far causa.…
 
La prima cosa bella di martedì 30 giugno 2020 è il paio d’occhiali di Anna Maria Ortese, che andrebbe messo sul naso del premier Giuseppe Conte. Un paio d’occhiali è il titolo del racconto (per me uno dei migliori della letteratura italiana) che apre Il mare non bagna Napoli (edito da Adelphi).
 
Loading …

Guida rapida

Google login Twitter login Classic login