Insulti a Draghi, Renzi: «Oltre a Travaglio devono vergognarsi D’Alema, Bersani e Speranza»

1:22
 
Condividi
 

Manage episode 298798416 series 2830246
Creato da Ascolta la Notizia, autore scoperto da Player FM e dalla nostra community - Il copyright è detenuto dall'editore, non da Player FM, e l'audio viene riprodotto direttamente dal suo server. Clicca sul pulsante Iscriviti per rimanere aggiornato su Player FM, o incolla l'URL del feed in un altra app per i podcast.

«Travaglio ha insultato vergognosamente Draghi. Ma non si deve vergognare solo lui: si devono vergognare D’Alema, Bersani e Speranza per aver invitato e fatto applaudire una persona che ha insultato un uomo rimasto orfano di padre a 15 anni».

Così Matteo Renzi, leader di Italia Viva, a proposito delle polemiche scoppiate nei giorni scorsi per quanto dichiarato da Travaglio, il quale durante la partecipazione alla festa di Articolo 1, ha definito il premier Mario Draghi «un figlio di papà" che "non capisce un c...».

Quanto alla riforma della giustizia, Renzi ha affermato: «Vorrei darvi una notizia: Il caro estinto è la riforma Bonafede che da» ieri sera «non c’è più. Non si può essere più imputati a vita. La riforma è una piccola parte, c’è ancora un lavoro lunghissimo da fare, ma ora abbiamo archiviato la Bonafede».

Sul Pd, l'ex premier ha detto: «Avevamo il 40,8%, hanno voluto scientificamente distruggere quel Pd, hanno preferito liberare la strada a Salvini e Grillo anziché collaborare con noi. Quella parte lî può essere definita con tanti nomi io la chiamo con un solo cognome: D’Alema».

2117 episodi