Focus economia del giorno 22/05/2020: Le banche hanno bisogno dello scudo penale

 
Condividi
 

Manage episode 262628561 series 19313
Creato da Radio 24 Il Sole 24 ore and Radio 24, autore scoperto da Player FM e dalla nostra community - Il copyright è detenuto dall'editore, non da Player FM, e l'audio viene riprodotto direttamente dal suo server. Clicca sul pulsante Iscriviti per rimanere aggiornato su Player FM, o incolla l'URL del feed in un altra app per i podcast.
L'autocertificazione aiuta a cancellare la burocrazia bancaria fin qui imposta dalla legge, perché sposta sulle imprese la responsabilità dei dati dichiarati e cancella i classici obblighi di istruttoria per le banche; in cambio, però, le aziende dovranno far confluire il finanziamento su un conto dedicato, per facilitare i controlli successivi.
Le banche però continuano a gran voce a chiedere lo scudo penale per tutti i dipendenti bancari coinvolti dell'attività di erogazione dei prestiti. La Fabi, in particolare, chiede la tutela per i direttori di filiale e i dirigenti responsabili dei piccoli fidi.
- Ancora polemiche dei professionisti sui 600 euro
Ormai è scontro aperto tra il governo e il mondo dei professionisti italiani. Ogni giorno un «casus belli» che porta gli Ordini professionali e quelli di previdenza privata a battere i pugni sul tavolo per attirare l attenzione. Ultima denuncia riguarda una clausola del Decreto rilancio che escluderebbe quasi tutti i professionisti ordinisti dal bonus 600 euro. Lo denuncia l'Adepp, l'associazione delle Casse di previdenza.
- Come far ripartire le grandi opere?
Nel governo è aperto un confronto tra due posizioni opposte per far ripartire i grandi cantieri: quella targata 5 stelle, portata avanti dal viceministro alle Infrastrutture Gianfranco Cancelleri, che punta ad affidare agli amministratori delegati di Anas e Rfi (Rete Ferroviaria Italiana) poteri commissariali straordinari "modello Genova" a tappeto per un piano di 100 miliardi di euro di opere ferroviarie e stradali; c'è poi quella del ministro alle Infrastrutture Paola De Micheli, che prevede un numero più limitato di commissari per rilanciare le grandi opere, con anche meno deroghe e una riforma in profondità (ma con meno traumi possibile) delle procedure ordinarie e del codice degli appalti.
OSPITI: Lando Maria Sileoni, segretario generale Fabi, Gianni Trovati, Il Sole 24 Ore, Michele Pizzarotti, vice presidente di Impresa Pizzarotti Spa.

1148 episodi