Giulio Contini, la formazione in hospitality innovation and e-turism

 
Condividi
 

Manage episode 293701502 series 2536771
Creato da Radio 24 Il Sole 24 ore and Radio 24, autore scoperto da Player FM e dalla nostra community - Il copyright è detenuto dall'editore, non da Player FM, e l'audio viene riprodotto direttamente dal suo server. Clicca sul pulsante Iscriviti per rimanere aggiornato su Player FM, o incolla l'URL del feed in un altra app per i podcast.
Si affacciano nuove professioni del settore hospitality, o meglio delle versioni 2.0 delle professioni che già esistevano ed hanno un grande bisogno di "reskilling" per poter migliorare la competitività del sistema. Per esempio l' Hospitality Manager: un leader con intelligenza emotiva (quindi soft skills, cross cultural management and communication skills, etc) che abbia un background su come usare in modo strategico i dati e le informazioni di cui dispone, e che la possa applicare ai diversi dipartimenti (Hotel MAnagement, Marketing, Food and Beverage management, etc...). Per questo è necessario lo studio delle soft skills (es: HR Management for hospitality, Cross Cultural Management and Communication, Lingue straniere, Storytelling for Hospitality, Guest Experience Design, Mediazione culturale). A cui si affianca lo studio di Hard Skills (es. - invece di "statistica", big data analysis for Tourism, invece di "informatica" studiare i 4 gruppi di software per il settore come CRM, PMS, Channel Management System e Revenue Management System). In più come ingrediente è necessaria la flessibilità,, capacità di adattarsi alle mutevoli esigenze di un settore in continuo cambiamento e dei clienti, diversi sia per location (es resort sul mare vs. city hotel) che per provenienza (es. aspettative di un russo diverse da aspettative di un cinese etc). Altra figura il Quality manager nel dipartimento housekeeping, visita la struttura con un tablet ed aggiorna in una dashboard la qualità in termini di igiene, pulizia, immagine percepita per valutarne e migliorarne l'evoluzione nel tempo. E poi c'è anche l'Insider/digital concierge: connette gli ospiti con le esperienze culturali e gastronomiche del territorio, facendoli immergere in contesti reali e non prettamente turistici, possibilmente in atmosfera partecipata sia da local che da turisti, in modo da offrire AUTENTICITÀ dell'esperienza.
Ascolta in Podcast originali l'intervista completa a Giulio Contini, si occupa di formazione in Hospitality Innovation and e-Turism.

268 episodi