COMINCIAMOLO INSIEME 1: Lo Skryun: Un altro giro di ruota di Vincenzo Valenti - Puntata 18

7:31
 
Condividi
 

Manage episode 321951536 series 3323382
Creato da Il Boomer, autore scoperto da Player FM e dalla nostra community - Il copyright è detenuto dall'editore, non da Player FM, e l'audio viene riprodotto direttamente dal suo server. Clicca sul pulsante Iscriviti per rimanere aggiornato su Player FM, o incolla l'URL del feed in un altra app per i podcast.
Inauguriamo una nuova rubrica (mi scuso per aver sforato il tempo massimo della puntata di un paio di minuti, ma era necessaria una piccola introduzione) in cui faccio conoscere qualche romanzo di gusto nerd non mainstream, leggendone i primi 5 minuti e aggiungendo nei commenti delle pagine FB e IG una sintetica recensione, che riporto di seguito:
Panzer, marsch! Dopo i nani classici tolkieniani e quelli steam punk di Warhammer declinati fino allo sfinimento in decine di saghe una simile all'altra, da epigoni impegnati nella defatigante quanto impossibile rincorsa dei loro ispiratori originari, ecco finalmente qualcuno in grado di esprimere un approccio originale nel raccontare le vicende dei nostri beniamini "verticalmente svantaggiati". Nani simili a carristi sovietici della Grande Guerra patriottica (così i russi ricordano il secondo conflitto mondiale), quindi, immersi in un'inedita ambientazione dieselpunk che sa un po' di Somme e altrettanto di Kursk, impegnati da secoli in un conflitto contro elfi dall'aspetto alieno e inquietante, ma non per questo immuni da una sorprendente carica emotiva. Sfumato, sullo sfondo, l'accenno a un'umanità che sopravvive depredando i rottami dai campi di battaglia del conflitto e l'incombere malevolo di un "quarto incomodo", pronto a ritagliarsi un ruolo da protagonista fin dal secondo atteso capitolo della saga. Tanta roba, per una novelette d'esordio costruita su un impianto robusto come la corazza del carro armato nanico coprotagonista del libro. A partire da un autoediting spietato, di cui s'intravedono qua e là cicatrici che devono essere costate lacrime e sangue all'autore ma che regalano al lettore, finalmente, una prosa asciutta, essenziale, ben costruita da un punto di vista lessicale e sintattico, scheletro portante di una saga di cui s'iniziano, pagina dopo pagina, a respirare le potenzialità. La strada delle truppe corazzate dell'impero nanico è aperta, ma si capisce bene che ci vorrà ben altro che un solo giro di ruota per scostare il sipario sui veri motivi e sulle terribili conseguenze del sanguinoso conflitto. Complimenti, in attesa del secondo capitolo, ad un autore esordiente capace, per una volta, di mettere sul tavolo qualcosa di nuovo, lontano dalla soporifera autoreferenzialità di tanti scrittori dilettanti, convinti che basti mettere nero su bianco qualche paginata di resoconto delle loro campagne di gioco di ruolo per costruire una narrazione che meriti di essere letta.

77 episodi