Roberta Calandra "Otto. Tutti siamo tutti"

25:34
 
Condividi
 

Manage episode 283307597 series 1243781
Creato da IL POSTO DELLE PAROLE, autore scoperto da Player FM e dalla nostra community - Il copyright è detenuto dall'editore, non da Player FM, e l'audio viene riprodotto direttamente dal suo server. Clicca sul pulsante Iscriviti per rimanere aggiornato su Player FM, o incolla l'URL del feed in un altra app per i podcast.
Roberta Calandra
"Otto"
Tutti siamo tutti
Prefazione di Giovanni Mastrangelo
Edizioni Croce
https://www.edizionicroce.it/
Otto è il simbolo dell’infinito e questa storia parla delle infinite potenzialità della vita e della sua forza primigenia, l’amore. I protagonisti di questa lunga favola sono due, anche se si ritrovano, a loro insaputa, a rivestire i panni di otto vite diverse, amandosi costantemente attraverso i secoli.
Prima sono Philippe e Olympia durante la Rivoluzione Francese: un libertino e una rivoluzionaria.
Diventano Gabriel e William, due poeti romantici dell’800, poi Milena e Greta in un lager, per finire ad amarsi come Giacomo ed Elena, un uomo e una donna in posizione scambiata rispetto ai ruoli di partenza.
Una sorta di “Orlando per 4” in salsa di Encyclopedie, una favola sull’amore, sulla passione, sulla resilienza.
Otto è un libro difficile, di quelli per cui si deve prendere in fretta una decisione, perché richiede interazione costante.
La trama, o meglio le trame delle quattro che compongono il romanzo, trascinano il lettore per più di due secoli attraverso un’Europa violenta, bigotta, incatenata a un destino nefasto, dove anche le idee più geniali e le emozioni più pure dell’umanità si trasformano nei loro macabri opposti, in balia della legge universale della Causa e dell’Effetto […]
[…] Il filo che lega la Storia e le storie di questo romanzo è il risveglio della coscienza femminile che può e deve entrare nell’essenza profonda di uomini e donne, perché intesa in un quadro universale che include ogni gender, ogni categoria umana, ogni materia […] Dalla prefazione di Giovanni Mastrangelo
Per quanto possa sembrare improbabile, l’idea di “Otto” nasce prima di “Cloud Atlas”, dunque parecchio prima di “Sense8”, senza nulla togliere alla meravigliosa visione delle sorelle Wachowsky, nelle quali vorrei incarnarmi doppiamente nella presente incarnazione... Pur condividendo con loro l’idea quantistica di una sincronicità di piani temporali, unificati da una matrix specifica, ho trovato da subito più semplice narrare una storia secondo un tempo improbabilmente lineare e mi è sembrato comunque sufficientemente complesso da rischiare la totale incomprensione del lettore, anche del più evoluto. Cose che capitano a chi maldestramente tenti di compensare i propri vuoti emozionali con la letteratura, prodotta come ingerita, ma non per questo smette di sognare, provare a crescere, nell’ostinata ricerca di un lieto fine, egoistico quanto platealmente condivisibile. Roberta Calandra
Roberta Calandra è scrittrice, autrice, sceneggiatrice e drammaturga. Tra le sue pubblicazioni: L’eredità di Anna Freud (Besa, 2013); Tempo per vivere (Aldenia, 2017); Buffonate senza corte, raccolta di scritti teatrali in due volumi (Zona, 2017).
La drammaturgia dello spettacolo Otto ha vinto il “Premio inediti Elsa Morante 2012” ed è stato rappresentato presso il Teatro dei Conciatori a Roma nel 2016 e al Keats and Shelley Museum nel 2017.
IL POSTO DELLE PAROLE
ascoltare fa pensare
https://ilpostodelleparole.it/

4333 episodi