La n.1 WTA senza sponsor, il ritorno della Bartoli, le scelte di Ostapenko e Bedene

35:21
 
Condividi
 

Manage episode 193935215 series 98918
Creato da Il Tennis Italiano - Podcast, autore scoperto da Player FM e dalla nostra community - Il copyright è detenuto dall'editore, non da Player FM, e l'audio viene riprodotto direttamente dal suo server. Clicca sul pulsante Iscriviti per rimanere aggiornato su Player FM, o incolla l'URL del feed in un altra app per i podcast.
L'ultima puntata prima di Natale inizia con il “giallo” legato a Simona Halep. Pur essendo numero 1 del mondo, è rimasta senza sponsor a causa del mancato rinnovo con Adidas. Secondo Jacopo Lo Monaco, potrebbe non esserci stato un accordo economico. “Magari ha sparato alto, sapendo che un altro marchio le avrebbe garantito la cifra richiesta”. Più in generale, i testimonial uomini hanno più valore anche perché il loro abbigliamento è più “commerciabile” rispetto a quello delle donne. Difficilmente i vestitini delle campionesse possono essere indossati con facilità dalle donne sopra i 40 anni. Inoltre, molti abiti sono pensati per fisici particolarmente atletici. Proprio durante il Podcast esce la news del ritorno di Marion Bartoli. Non siamo così sorpresi: quanto emerso a ottobre era piuttosto chiaro: le informazioni diffuse da RMC erano troppo precise per non essere attendibili. Semmai, era stata sorprendente la secca smentita della Bartoli. Probabilmente voleva essere sicura di essere idonea sul piano fisico e atletico. “La notizia mi fa piacere, spero che possa essere competitiva almeno per un ritorno tra le prime 20 – dice Jacopo – sarebbe bello che a Wimbledon le facciano inaugurare il Centre Court, visto che non ha mai potuto difendere il suo titolo del 2013”. Qualche riflessione sulla scelta di Jelena Ostapenko, che si farà affiancare per 15 settimane da coach David Taylor. “Una buona scelta, ma con una come lei ci vuole un personaggio di carisma, che sia in grado di farsi sentire. Su Jelena bisogna intervenire più tecnicamente che tatticamente, perché non bisogna complicarle le idee”. A chiudere, la delusione di Jacopo per la scelta di Aljaz Bedene: resosi conto che non avrebbe potuto giocare in Coppa Davis e partecipare alle Olimpiadi con la Gran Bretagna, ha scelto di tornare a rappresentare la Slovenia. Una decisione opportunistica: “Fossi stato nella federazione slovena, non lo avrei convocato” dice Jacopo. Probabilmente, anche loro avevano convenienza a riaccoglierlo. Il giocatore ha comunque denotato scarso senso patriottico verso entrambe le nazioni.

253 episodi