Togliere le maschere - #PrideMonth 🏳️‍🌈 - Meditazione guidata 28

17:04
 
Condividi
 

Manage episode 265506885 series 1913375
Creato da Lunedì non ti temo, autore scoperto da Player FM e dalla nostra community - Il copyright è detenuto dall'editore, non da Player FM, e l'audio viene riprodotto direttamente dal suo server. Clicca sul pulsante Iscriviti per rimanere aggiornato su Player FM, o incolla l'URL del feed in un altra app per i podcast.
#mindfulnesslgbt #queermindulness #pridemonth
Fare coming out è rischioso. Non possiamo sapere come risponderanno gli altri o cosa cambierà da quel momento in poi. Ci rende vulnerabili ed esposti, per questo è fondamentale che ognuno rispetti se stess* e i propri tempi: nessuna forzatura, nessun “dovresti” che arrivi dall’interno o dall’esterno.
L’autenticità molto spesso non significa andare sul sicuro, anzi, significa essere molto vulnerabili ed è un rischio che possiamo decidere se compiere o meno in base al tipo di relazione che cerchiamo. A volte facciamo coming out con gli amici ma non in famiglia. O sul lavoro.
Ogni situazione è a sè ed è importante partire, come sempre, dall’ascolto di sè.
Fare coming out può dare la possibilità di togliere una maschera, di prendere possesso della nostra vita e di chi siamo.
Non è semplice ma a volte è più difficile passare tutta la vita a fuggire da chi siamo, a vivere secondo le regole di qualcun altro.
Quando passiamo tutta la vita a cercare di reprimere, scappare, cancellare, estirpare parti di noi che pensiamo non si conformino, non siano adatte, non si integrino con l’immagine che vorremmo di noi o con l’ideale che qualcuno ci ha passato, facciamo un sacco di fatica.
Si tratta di un percorso graduale che parte dalla connessione con noi stessi, dalla volontà e dal coraggio di incontrare tutte le nostre parti con gentilezza, con compassione, per poi trovare quel senso di connessione con noi e con gli altri.
Scopriamo la bellezza dell’appartenenza che esiste tra le persone quando si sentono viste, sentite, apprezzate… quando possono essere loro stesse in un rapporto dove non c’è giudizio ma c’è sostegno e connessione.
Molto diverso dall’integrarsi cercando un modo di essere approvati, imparando a valutare le situazioni per intuire cosa può essere accettato, quanto possiamo esporci e come possiamo plasmarci nelle varie situazioni.
Il senso di appartenenza non ha nulla di tutto questo, non richiede di cambiare chi siamo o di scegliere di mostrare solo dei pezzi. Il senso di appartenenza è essere chi siamo.
E anche se gli altri non dovessero accettarci, essere autentici con noi stessi e con loro è uno dei più grandi doni che possiamo fare a noi stessi e alle persone che amiamo: mostrare loro che ci si può abbracciare nella vulnerabilità ed amare così come siamo.

70 episodi