23. Milly Carlucci vittima di fake news provenienti da Panama

2:08
 
Condividi
 

Manage episode 236945534 series 2517798
Creato da Originali ForTune, autore scoperto da Player FM e dalla nostra community - Il copyright è detenuto dall'editore, non da Player FM, e l'audio viene riprodotto direttamente dal suo server. Clicca sul pulsante Iscriviti per rimanere aggiornato su Player FM, o incolla l'URL del feed in un altra app per i podcast.
Milly Carlucci denuncia alla polizia postale la diffusione di una fake news sul proprio conto.
Cosa sta accadendo?
Sul web e precisamente da un portale truffaldino di Panama, si è diffusa una notizia che è divenuta virale in poco tempo.
Si parlerebbe di un imminente divorzio tra Milly Carlucci e suo marito per motivi di carriera e di business.
Milly Carlucci venuta a conoscenza di questa notizia, ha dichiarato non solo che la notizia è falsa ma che ha sporto denuncia alla polizia postale per reagire a questa diffamazione.
Nel mondo di internet compaiono sui social tantissime notizie ma nessuno fa un controllo di qualità o veridicità della fonte.
Per questo ecco alcuni consigli quando navighi in rete per non cadere nell’ennesima trappola delle notizie false:
1) la notizia è troppo assurda oppure sembra costruita in modo esagerato per gridare allo scalpore
2) la notizia è pubblicata su domini sconosciuti e magari non sui quotidiani più importanti, registrati al tribunale.
3) prova a vedere se la notizia compare nelle agenzie di stampa più autorevoli come ad esempio l’ANSA ed altre agenzie.
4) se il dominio ti sembra sospetto poiché dissimula un quotidiano famoso, ad esempio liibero.it scritto con due ii, sei di fronte a contraffazione di un organo informativo e quindi un vero e proprio reato.
5) Controlla se l’ortografia e la grammatica sono corretti, poiché spesso le fake news vengono tradotte da altre lingue con un semplice traduttore digitale.
Ad ogni modo prima di condividere una notizia, rifletti ed accertati di non fare la figura del fesso poiché possiamo cadere tutti nella trappola della disinformazione ma i responsabili rimaniamo sempre noi e non è bello passare per dei creduloni.

34 episodi