215 Il problema della comunicazione di Conte e Grillo: le negazioni

2:55
 
Condividi
 

Manage episode 296303374 series 1391072
Creato da Patrick Facciolo, autore scoperto da Player FM e dalla nostra community - Il copyright è detenuto dall'editore, non da Player FM, e l'audio viene riprodotto direttamente dal suo server. Clicca sul pulsante Iscriviti per rimanere aggiornato su Player FM, o incolla l'URL del feed in un altra app per i podcast.
La comunicazione di Giuseppe Conte e Beppe Grillo ha un problema: le negazioni. Ve ne avevo già parlato, a proposito di Giuseppe Conte, ai tempi di:
- “Questo governo NON lavora col favore delle tenebre” (10 novembre 2020).
Ma potremmo aggiungere all'elenco:
- “Rifonderemo il Movimento 5 stelle, NON sarà un’operazione di marketing” (2 aprile 2021)
- “NON siamo qui per una passerella” (Conte all’inaugurazione del Mose di Venezia, 10 luglio 2020).
E la lista potrebbe continuare.
Fateci caso: più volte le affermazioni di Conte contengono quantità di negazioni importanti. E come ho spesso sottolineato in questi anni, il problema della negazione è che rischia di attivare nell’ascoltatore l’immagine mentale opposta rispetto a quella che il comunicatore vorrebbe (“Non sei qui per fare una passerella? Non ci avevo pensato, ma adesso che me lo hai detto, mi dai un'occasione per rifletterci”).
Si tratta di una modalità che è proseguita anche in questi giorni di scontro tra Beppe Grillo e Giuseppe Conte. Partiamo proprio dalla conferenza stampa di Conte dell'altroieri:
- “A Beppe dico che NON ne faccio una questione personale“
- “NON è certo una battuta irriverente o sgradevole che mi preoccupa”
- “NON mi accontenterò di una risicata maggioranza”.
Ieri, la risposta di Beppe Grillo sul suo blog:
- “Conte NON ha esperienza di organizzazioni, né capacità di innovazione”
- “NON ha visione politica né capacità manageriali”
- “NON è il consenso elettorale il nostro vero problema".
Il punto è, cari amici: quanto siamo ancora capaci, nella nostra comunicazione, di comunicare ciò che le cose rappresentano per noi, evitando di esplicitarle troppo di frequente in forma negativa?
Ogni volta che usiamo una negazione, esponiamo il pubblico a una necessità di decodifica: tu mi dici come NON stanno le cose, e io devo decodificare il messaggio AL CONTRARIO per capire come stanno effettivamente.
È uno sforzo che tu, comunicatore, chiedi a me, ascoltatore. In quest'era dell'attenzione contesa, è una richiesta tutt'altro che semplice.
La mia domanda è: si può fare di meglio? Secondo me, sì.
--
Mi chiamo Patrick Facciolo, sono dottore in tecniche psicologiche e giornalista. Mi occupo di formazione sui temi del Public Speaking e della comunicazione efficace. Faccio divulgazione su questi temi attraverso il mio sito su https://www.parlarealmicrofono.it

418 episodi