Caccia alle varianti: quando un algoritmo può fare la differenza - 2ª Parte

 
Condividi
 

Manage episode 289486849 series 18800
Creato da Radio 24 Il Sole 24 ore and Radio 24, autore scoperto da Player FM e dalla nostra community - Il copyright è detenuto dall'editore, non da Player FM, e l'audio viene riprodotto direttamente dal suo server. Clicca sul pulsante Iscriviti per rimanere aggiornato su Player FM, o incolla l'URL del feed in un altra app per i podcast.
La crisi Covid, con tutta la sua drammaticità, si sta tuttavia dimostrando una straordinaria palestra per sviluppare nuovi approcci e nuovi strumenti per combattere, se non questa, future epidemie, e tra questi anche nuovi algoritmi (uno l'abbiamo raccontato ieri sera) utili per affrontare il fenomeno delle varianti virali.
Questa sera andiamo a Trieste dove è stato messo a punto un algoritmo che consente di prevedere quali varianti di un virus potrebbero manifestarsi ancor prima che queste compaiano. Grazie a questo algoritmo il team aveva previsto, già lo scorso dicembre 2020, oltre una ventina di varianti, tra cui le ben note varianti inglese e sudafricana. Prevedere in silico le possibili varianti di un virus, in questa o in altre epidemie, può essere di grande aiuto permettendo, per esempio, di progettare vaccini e farmaci (tra cui anche i famosi anticorpi monoclonali) meno sensibili alle varianti e quindi migliori.
L'algoritmo è descritto su ACS Nano e noi ne parliamo con Sabrina Pricl, Prof.ssa del Dip. di Ingegneria dell'Università di Trieste

1410 episodi