Il lento declino del liberalismo in Italia

 
Condividi
 

Manage episode 323267944 series 63205
Creato da Radio 24 Il Sole 24 ore and Radio 24, autore scoperto da Player FM e dalla nostra community - Il copyright è detenuto dall'editore, non da Player FM, e l'audio viene riprodotto direttamente dal suo server. Clicca sul pulsante Iscriviti per rimanere aggiornato su Player FM, o incolla l'URL del feed in un altra app per i podcast.
Durante il fascismo, le uccisioni di Gobetti, Amendola, Rosselli e Matteotti decapitarono i vertici della democrazia liberale e socialista, ma anche nei decenni successivi gli esponenti del liberalismo e del socialismo democratico vennero giudicati un pericolo dai leader dei partiti di sinistra. In Italia le culture dominanti comunista e cattolica sono sempre riuscite a schiacciare il filone laico e liberale, a sua volta vittima di divisione interne che permangono anche nella compagine attuale - commentano Angelo Panebianco e Massimo Teodori a proposito del loro libro "La parabola della Repubblica. Ascesa e declino dell'Italia liberale" (Solferino, 256 p., € 17,00).
RECENSIONI
"I maestri del liberalismo nell'Italia Repubblicana" di Giuseppe Bedeschi
(Rubbettino, 186 p., € 16,00)
"Vittorio De Caprariis. Saggi per un profilo" di Tarcisio Amato
(Rubbettino, 166 p., € 14,00)
"Della religione, considerata nella sua sorgente, nelle sue forme e nei suoi sviluppi" di Benjamin Constant
(Edizione di Storia e di Letteratura, 206 p., € 18,00)
"La libertà degli antichi paragonata a quella dei moderni" di Benjamin Constant
(Liberilibri, 68 p., € 8,00)
"Il mosaico della libertà" di Salvatore Veca
(Egea, 114 p., € 15,00)

523 episodi