Ichino: il mercato del lavoro ha bisogno di politiche attive che favoriscano l'incontro tra domanda e offerta

 
Condividi
 

Manage episode 274804548 series 63205
Creato da Radio 24 Il Sole 24 ore and Radio 24, autore scoperto da Player FM e dalla nostra community - Il copyright è detenuto dall'editore, non da Player FM, e l'audio viene riprodotto direttamente dal suo server. Clicca sul pulsante Iscriviti per rimanere aggiornato su Player FM, o incolla l'URL del feed in un altra app per i podcast.
Il problema del mercato del lavoro non è legato tanto alla mancanza di domanda, quanto alla mancanza di servizi che favoriscano l'incontro tra domanda e offerta – spiega Pietro Ichino nel suo libro "L'intelligenza del lavoro. Quando sono i lavoratori a scegliersi l'imprenditore" (Rizzoli, 272 p., € 18,00).
Il che porta ad avere enormi giacimenti occupazionali inutilizzati: 1.200.000 posti di lavoro permanentemente scoperti a fine 2019, per mancanza di persone in possesso della specializzazione necessaria. È uno spreco che non ci possiamo permettere: lo scostamento tra qualifiche richieste e offerta è il principale responsabile dell'alto tasso di disoccupazione del nostro paese. La soluzione non sta nelle politiche passive, nel sostegno statale alle imprese o nel blocco dei licenziamenti. Bisogna invece attuare delle politiche attive, sostenere i lavoratori sul piano degli strumenti di formazione e adattamento delle competenze ai nuovi mestieri portati dall'innovazione tecnologica - conclude Ichino.

401 episodi