La destra si cala le braghe sulle zone rosse

23:39
 
Condividi
 

Manage episode 287386541 series 2542772
Creato da Nicola Porro, autore scoperto da Player FM e dalla nostra community - Il copyright è detenuto dall'editore, non da Player FM, e l'audio viene riprodotto direttamente dal suo server. Clicca sul pulsante Iscriviti per rimanere aggiornato su Player FM, o incolla l'URL del feed in un altra app per i podcast.

00:00 Buongiorno ai commensali.

01:34 Sapete cosa è cambiato rispetto ad un mese fa? Per 60 milioni di italiani niente, ma per sei di loro invece è arrivato status, macchina, segretari e ovviamente grande responsabilità. Sono Gelmini, Brunetta, Carfagna, Giorgetti, Stefani e Garavaglia. E ci spiegano perché le zone rosse di oggi vanno bene, mentre quelle di Conte invece no.

06:05 A proposito, immagino che siano arrivati milioni di ristori, o come si chiamano oggi “sostegni“.

08:04 Intanto il Piemonte blocca la somministrazione del vaccino Astrazeneca

10:05 Nel frattempo il Corrierone ci racconta della nuova piaga giovanile: i party clandestini per festeggiare il compleanno o la laurea. E manco si fanno una canna, si vedono soltanto.

13:30 Michele Brambilla, sul Quotidiano Nazionale, piagnucola perché Roberto Burioni gli ha dato dell’irresponsabile per il solo fatto di aver parlato di Astrazeneca e delle morti. Se accarezzi un drago prima o poi ti morde.

16:45 Come direbbero i foglianti: agenda del centrodestra per fortuna che c’è Enrico Letta. In effetti arriva il nuovo segretario e permette alla destra di far finta di dissentire: no allo Ius soli. E ci mancherebbe!

18:10 Parola ai commensali.

21:23 Fermi tutti: la Merkel prende una batosta in due regioni tedesche. Ma allora lì si vota, non come da noi che rimandiamo le amministrative.

22:30 Durigon contro il cashback, e su questo almeno si sente qualcosa di diverso.

894 episodi