Capitalism pubblico
[search 0]
Altro

Scarica l'app!

show episodes
 
Invincibili è il podcast che racconta la Leggenda del Grande Torino, la squadra di calcio che ha fatto sognare l'Italia e il Mondo negli anni '40 e che ha perso la vita nella Tragedia di Superga del 4 maggio del 1949. Invincibili è scritto e prodotto da Diego Fornero. Colonna sonora: SensoUnico. Media partner: ToroNews. Artwork: Marta Galli. Art Direction: Francesco Grandazzi.
 
Savio Brigante è un intraprendente radioamatore. Così intraprendente da riuscire a “rubare” le frequenze alle radio più famose, ma soprattutto così intraprendente da riuscire - non si sa come - a convocare nel suo sgangherato studio-abitazione i personaggi più famosi della storia della letteratura, per cercare da loro le risposte agli interrogativi più problematici della contemporaneità. Assistito dal suo inseparabile tecnico del suono, il gatto Lucio, Savio ci condurrà, puntata dopo puntata ...
 
Loading …
show series
 
Il 20 settembre 1942 il Torino scende in campo al Filadelfia per il primo turno di Coppa Italia contro l'Anconitana. Per la prima volta, scendono in campo tra i granata Valentino Mazzola, Ezio Loik e Giuseppe Grezar, in quella che si può definire a tutti gli effetti la "Prima" del Grande Torino, negli ultimi scampoli di leggerezza e disillusione pe…
 
Il Grande Torino non sarebbe stato lo stesso senza le geometrie di Giuseppe Grezar, il silenzioso centrocampista triestino che completa la campagna acquisti di Ferruccio Novo nell'estate del 1942. Questa è l'ultima estate di relativa quiete prima che l'autunno porti con sé una forte accelerazione della Seconda Guerra Mondiale, e un impatto sempre p…
 
Come nasce un Capitano? La storia di Valentino Mazzola ha dell'incredibile: un'infanzia e un'adolescenza complessa, segnata dalla povertà, e l'approdo al grande calcio soltanto a vent'anni. Ma il talento di "Tulén", come tutti lo chiamano a Cassano d'Adda, lo porterà a diventare il più grande giocatore italiano di tutti i tempi, approdando al Grand…
 
Nell'estate del 1942, il Presidente del Torino, Ferruccio Novo, acquista dal Venezia, nella più onerosa operazione di calciomercato mai vista fino ad allora, le due mezzali più forti del campionato: Ezio Loik e Valentino Mazzola. Con la maglia granata, Loik dimostra subito di essere molto di più del semplice "completamento perfetto" di Valentino Ma…
 
Per completare la campagna acquisti dell'estate del '41, il Torino ingaggia il sedicenne Virgilio Maroso: un ragazzino che sarebbe diventato di lì a breve il difensore più forte e ammirato del mondo. Nella stagione 1941-1942, dopo la grande opera di rinforzo da parte di Ferruccio Novo, si vedrà per la prima volta qualcosa che assomiglia molto al Gr…
 
Nel 1941 il Torino completa, su raccomandazione di Mario Sperone, l'acquisto del diciottenne Mario Rigamonti dal Brescia: fa il mediano, è ancora da sgrezzare, ma di lì a poco diventerà lo stopper per eccellenza del Grande Torino e della Nazionale, sempre rigorosamente in sella alla sua moto, tra fughe, ritardi e grandi risate. Twitter: https://twi…
 
Nel 1941, Ferruccio Novo completa la campagna acquisti per la prima squadra del Torino con un tris di giocatori della Juventus: Guglielmo Gabetto, Felice Borel e Alfredo Bodoira. I bianconeri li reputano non più necessari, eppure tutti e tre - chi in un modo, chi nell'altro - lasceranno il segno della storia granata, contribuendo a rendere Grande i…
 
Nell'estate del 1941, Ferruccio Novo avvia una campagna acquisti sontuosa per rinforzare il suo Torino. Dalla Fiorentina, torna in granata Giacinto Ellena e porta con sé Romeo Menti, giovane ala destra che ha fatto innamorare Firenze e che porterà sempre con sé un giglio viola al bavero della giacca. Sulla sinistra, invece, arriva dall'Inter il cam…
 
Nella stagione '40-'41, la prima con l'Italia in campo per la Seconda Guerra Mondiale, il Torino non brilla, anzi, a un certo punto rischia addirittura la retrocessione, salvandosi con un filotto di vittorie nel finale. I giornali dell'epoca parlano di una squadra discontinua ma capace di emozionare. La rosa necessita di rinforzi da affiancare a Os…
 
Nell'estate del '40 l'Italia è appena entrata in Guerra e il Torino prepara la stagione che verrà con un mercato più che sobrio. Rientrano alla base i due Balon Boys: Oberdan Ussello, che preferì il Toro all'Inter di Meazza, e Raf Vallone, che non lascerà il segno da calciatore ma diventerà un Divo del cinema italiano (e non solo). Ad introdurre l'…
 
Nelle stagioni 1938-1939 e 1939-1940 il Torino dà una svolta alla propria storia: Erbstein fa in tempo a imprimere un cambio di mentalità; Ferruccio Novo diventa Presidente; Aldo Olivieri alza il livello della rosa e nell'estate del '39 arriva in granata Franco Ossola, giovanotto di belle speranza che diventerà una colonna degli Invincibili del Gra…
 
Negli anni '30 il Grande Torino non è ancora realtà e la squadra fatica: per risollevare le sorti dei granata sarà decisivo l'apporto dei "Balon Boys", i ragazzi del settore giovanile, come Oberdan Ussello, Giacinto Ellena e Mario Sperone. Dall'incontro con Ferruccio Novo e Ernö Egri Erbstein, nascerà un Toro destinato a un decennio di trionfi. Twi…
 
Nel progettare il Grande Torino è stato fondamentale il contributo di Ernő Egri Erbstein, il tecnico ungherese sfuggito all'Olocausto, legato da un'amicizia profonda a Ferruccio Novo, che darà la svolta tattica alla squadra granata con il suo "sistema" e perderà la vita a Superga il 4 maggio 1949. Twitter: https://twitter.com/diegofornero Instagram…
 
Ferruccio Novo è il Presidente artefice del Grande Torino: la sua è una storia di visione imprenditoriale e lungimiranza, che non sarebbe stata tale senza il supporto di validi e fidati collaboratori. Twitter: https://twitter.com/diegofornero Instagram: https://www.instagram.com/diegofornero/Di Diego Fornero
 
Vittorio Pozzo non è solo il CT della Nazionale Italiana Campione del Mondo nel 1934 e 1938: è anche un secondo padre per il Grande Torino ed è a lui che toccherà il compito più doloroso e più difficile il 4 maggio 1949, in occasione della Tragedia di Superga. Twitter: https://twitter.com/diegofornero Instagram: https://www.instagram.com/diegoforne…
 
Le radici del Grande Torino passano dal Trio delle Meraviglie, che consegna al Toro il primo Scudetto, poi revocato per il controverso Caso Allemandi. Nel 1928, è ancora trionfo granata, questa volta inequivocabile: il capolavoro di Enrico Marone Cinzano. Twitter: https://twitter.com/diegofornero Instagram: https://www.instagram.com/diegofornero/…
 
Alle radici del Grande Torino c'è la lungimiranza di Enrico Marone Cinzano, il presidente granata che nel 1926 fa costruire il Filadelfia. Uno Stadio, che è molto di più di uno Stadio. Twitter: https://twitter.com/diegofornero Instagram: https://www.instagram.com/diegofornero/Di Diego Fornero
 
Il 7 maggio del 1949 a Torino si celebrano le esequie del Grande Torino: la città piange gli Invincibili, lo staff tecnico, i giornalisti e l'equipaggio dell'aereo G-212 caduto a Superga alle 17.03 del 4 maggio. Nasce così la Leggenda del Grande Torino. Twitter: https://twitter.com/diegofornero Instagram: https://www.instagram.com/diegofornero/…
 
Il conflitto tra generazioni è una costante di tutte le epoche, nella storia dell’umanità. Come sono cambiate, nel corso dei secoli, le aspettative delle nuove generazioni? I giovani sono più ribelli o più conformisti? Lo chiederemo a Giulietta Capuleti, simbolo sempreverde di una gioventù fragile e incompresa dai più grandi, schiacciata dai proble…
 
Ché se ’l conte Ugolino aveva voce / d’aver tradita te de le castella, /non dovei tu i figliuoi porre a tal croce. Lo dichiara chiaramente anche il Sommo Dante nella Divina Commedia: le colpe dei padri non devono ricadere sui figli. Eppure è quello che molto spesso succede, a partire dal processo mediatico in cui la massa si scaglia a valanga contr…
 
Chi sono davvero i cosiddetti hater? Da cosa è dettato l’odio che li spinge a insultare le celebrità – ma non solo – sui social network, spesso gratuitamente? Lo chiediamo direttamente al Capitano Ahab, protagonista del capolavoro di Herman Melville, Moby Dick. Il disprezzo viscerale, la sete di vendetta che lo portano alla ricerca della Balena Bia…
 
Loading …

Guida rapida

Google login Twitter login Classic login