Francesco Costa Il Post pubblico
[search 0]
Altro
Scarica l'app!
show episodes
 
Artwork

1
Morning

Francesco Costa - Il Post

Unsubscribe
Unsubscribe
Ogni settimana+
 
Morning è la rassegna stampa del Post, condotta da Francesco Costa: vi racconta cosa c’è sui giornali ogni giorno e soprattutto perché, quali sono le notizie di cui si parla di più, e come se ne parla.
  continue reading
 
Loading …
show series
 
Il 16 febbraio Vladimir Putin ha ucciso Alexei Navalny, e con lui la Russia ha perso il suo migliore politico e la sua migliore speranza. Con la giornalista Anna Zafesova a Globo parliamo di chi è stato Alexei Navalny, del perché Putin ne aveva paura, e di cosa sarà la Russia, senza di lui. Navalny contro Putin, di Anna Zafesova Questo e gli altri …
  continue reading
 
Questa settimana facciamo un viaggio in India, il più importante paese di cui sappiamo troppo poco. La cerchiamo di raccontare tramite il suo più influente politico: il primo ministro Narendra Modi, uno dei leader più temuti e controversi del mondo. Con Marina Forti, giornalista e scrittrice esperta di India. Questo e gli altri podcast gratuiti del…
  continue reading
 
Vent’anni fa, il 4 febbraio del 2004, uno studente di vent’anni dell’università di Harvard, Mark Zuckerberg, creava Facebook. Da allora Facebook e gli altri social network hanno cambiato il mondo, e la politica. Con Carola Frediani, cofondatrice di Guerre di Rete. Questo e gli altri podcast gratuiti del Post sono possibili grazie a chi si abbona al…
  continue reading
 
La vittoria di Donald Tusk alle elezioni in Polonia dello scorso ottobre è la notizia più importante che abbiamo trascurato in questi mesi. E quello che è successo dopo è stato decisamente sorprendente. Con Andrea Pipino, responsabile della sezione Europa di Internazionale. Questo e gli altri podcast gratuiti del Post sono possibili grazie a chi si…
  continue reading
 
Questo e gli altri podcast gratuiti del Post sono possibili grazie a chi si abbona al Post e ne sostiene il lavoro. Se vuoi fare la tua parte, abbonati al Post. Quando il 7 ottobre dell’anno scorso è scoppiata la guerra a Gaza, e quando nelle settimane successive la guerra ha cominciato a espandersi in tutto il Medio Oriente, gli Houthi in Yemen er…
  continue reading
 
Questo e gli altri podcast gratuiti del Post sono possibili grazie a chi si abbona al Post e ne sostiene il lavoro. Se vuoi fare la tua parte, abbonati al Post. Se un alieno scendesse sulla Terra e leggesse i giornali e guardasse i telegiornali e i siti di news delle ultime due settimane, una cosa che potrebbe chiedersi è: ma perché tutti hanno ded…
  continue reading
 
Questo e gli altri podcast gratuiti del Post sono possibili grazie a chi si abbona al Post e ne sostiene il lavoro. Se vuoi fare la tua parte, abbonati al Post. Le elezioni negli Stati Uniti si terranno il 5 di novembre, ma le cose sono già entrate nel vivo: questo mese, il 15 di gennaio, cominciano le primarie del Partito Repubblicano in Iowa, e d…
  continue reading
 
Questo e gli altri podcast gratuiti del Post sono possibili grazie a chi si abbona al Post e ne sostiene il lavoro. Se vuoi fare la tua parte, abbonati al Post. In questa puntata di Globo vogliamo fare il punto su cosa sta succedendo con la guerra in Ucraina. Per farlo, non partiremo da cosa sta succedendo al fronte, dalle manovre militari o dalla …
  continue reading
 
Questo e gli altri podcast gratuiti del Post sono possibili grazie a chi si abbona al Post e ne sostiene il lavoro. Se vuoi fare la tua parte, abbonati al Post. Questa è la puntata di fine anno di Globo, in cui raccontiamo come sono andate a finire alcune delle storie di Globo del 2023. Per farlo, siamo tornati a sentire alcuni degli ospiti che son…
  continue reading
 
L’Italia ha uno strano rapporto con il mare: è un paese di mare, ha coste lunghissime, e geograficamente è una grossa passerella sul Mediterraneo. Ma la storia, la cultura, la politica estera non sono quelle di un paese per cui il mare è così importante. Ne parliamo con Francesco Maselli, autore di “L’Italia ha paura del mare” pubblicato da NR Ediz…
  continue reading
 
Questo e gli altri podcast gratuiti del Post sono possibili grazie a chi si abbona al Post e ne sostiene il lavoro. Se vuoi fare la tua parte, abbonati al Post. Nelle ultime settimane si è tenuta a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la COP28, la ventottesima conferenza sul clima organizzata dalle Nazioni Unite. Le COP sono tra le conferenze internaz…
  continue reading
 
Questo e gli altri podcast gratuiti del Post sono possibili grazie a chi si abbona al Post e ne sostiene il lavoro. Se vuoi fare la tua parte, abbonati al Post. Il Sudan, uno dei paesi più grandi dell’Africa, è vicino al collasso: quella che ad aprile del 2023 era cominciata come una disputa armata tra due generali si è trasformata in una guerra ci…
  continue reading
 
Questo e gli altri podcast gratuiti del Post sono possibili grazie a chi si abbona al Post e ne sostiene il lavoro. Se vuoi fare la tua parte, abbonati al Post. In questa puntata di Globo parliamo di spie. Non solo: parliamo di spie russe. E lo facciamo perché da poco è uscito un libro intitolato “La stagione delle spie”, scritto dal giornalista An…
  continue reading
 
Questo e gli altri podcast gratuiti del Post sono possibili grazie a chi si abbona al Post e ne sostiene il lavoro. Se vuoi fare la tua parte, abbonati al Post. Javier Milei, candidato estremista, di destra radicale e personaggio pubblico estremamente colorito e violento, ha vinto le elezioni in Argentina e diventerà il presidente di uno dei paesi …
  continue reading
 
Questo e gli altri podcast gratuiti del Post sono possibili grazie a chi si abbona al Post e ne sostiene il lavoro. Se vuoi fare la tua parte, abbonati al Post. Israele sta attaccando gli ospedali della Striscia di Gaza, sostenendo che nascondano i covi dei miliziani di Hamas. A Globo partiremo da qui per raccontare una storia lunga nel tempo, in c…
  continue reading
 
Questo e gli altri podcast gratuiti del Post sono possibili grazie a chi si abbona al Post e ne sostiene il lavoro. Se vuoi fare la tua parte, abbonati al Post. Nell’ultimo mese di guerra abbiamo sentito parlare molto spesso dell’Iran e dei suoi alleati: Hamas nella Striscia di Gaza, Hezbollah in Libano, le milizie sciite in Iraq, gli Houthi in Yem…
  continue reading
 
In questa puntata di Globo, la quarta dall’inizio della guerra, cercheremo capire che cosa sta succedendo nella Striscia di Gaza parlando con una persona che questa guerra l’ha vista da vicino: Francesca Mannocchi è una giornalista e scrittrice che conosce molto bene la regione e che ha trascorso le ultime settimane tra Israele e la Palestina. I co…
  continue reading
 
È davvero possibile distruggere Hamas, come l’esercito israeliano promette di fare? E come sarà l’invasione di terra della Striscia di Gaza annunciata da Israele? Quali saranno le conseguenze per Israele e per la popolazione palestinese? A Globo ne parliamo con Francesco Strazzari, professore di Relazioni Internazionali alla Scuola Superiore Sant’A…
  continue reading
 
A Globo partiamo dalla terrificante situazione umanitaria nella Striscia di Gaza per poi vedere quello che le sta succedendo attorno: i timori dell’Egitto, il Libano con Hezbollah e il resto della regione. Con Rolla Scolari, giornalista di SkyTg24 che ha vissuto e viaggiato per anni in Israele, in Palestina e in tutto il Medio Oriente. I consigli d…
  continue reading
 
L’attacco di Hamas contro Israele è uno dei più catastrofici della storia del paese, che non ha precedenti paragonabili. Questa catastrofe avrà enormi ripercussioni su Israele, sulla Palestina e in generale su tutto il Medio Oriente. La risposta israeliana è già cominciata con violenti bombardamenti sulla Striscia di Gaza, e probabilmente non si fe…
  continue reading
 
In questa puntata faremo un giro molto largo: partiremo dalla musica pop sudcoreana e arriveremo alla bomba atomica. Con Giulia Pompili, giornalista del Foglio esperta di Asia orientale, parleremo dell’eccezionale crescita della cultura sudcoreana nel mondo, e cercheremo di capire il modo in cui si intreccia alla società coreana, alla politica e, o…
  continue reading
 
Ormai da qualche anno in Polonia e Ungheria la democrazia è in crisi. Anzi, possiamo dire tranquillamente che il partito Diritto e Giustizia in Polonia e il primo ministro Viktor Orbán in Ungheria hanno di fatto trasformato i rispettivi paesi in governi semi autoritari, dove le libertà sono limitate, i media sono censurati e i diritti civili sono s…
  continue reading
 
Da qualche mese l’economia della Cina è in pessime condizioni. La crescita del PIL sta rallentando, è in corso una gravissima crisi immobiliare e dopo quarant’anni di crescita ininterrotta per la prima volta i cittadini cinesi cominciano a perdere fiducia nella loro economia. È la fine del miracolo cinese? A Globo ne parliamo con Francesca Spigarel…
  continue reading
 
L’11 settembre del 1973, cinquant’anni fa, il generale Augusto Pinochet saliva al potere in Cile grazie a un colpo di stato militare. L’esercito cileno, sostenuto dagli Stati Uniti, si ribellò contro il presidente democraticamente eletto Salvador Allende, bombardò il palazzo presidenziale e diede inizio a una lunga e feroce dittatura, in cui la rep…
  continue reading
 
Gabon, Niger, Burkina Faso, Mali, Ciad, Guinea: sono i paesi africani in cui negli ultimi tre anni c’è stato almeno un colpo di stato militare. E pur essendo paesi molto diversi con storie molto diverse, hanno tutti elementi in comune. Sono quasi tutti nel Sahel, che è la regione a sud del deserto del Sahara. Fanno quasi tutti parte dell’Africa fra…
  continue reading
 
A Globo parliamo di cosa sappiamo della morte di Yevgeny Prigozhin, il capo del gruppo Wagner precipitato con il suo aereo a fine agosto: quali sono le conseguenze della sua morte, per la Russia e per il regime di Vladimir Putin. Con Giovanni Savino, professore dell’Università Federico II di Napoli esperto di nazionalismo russo. I CONSIGLI DI GIOVA…
  continue reading
 
In questi mesi di guerra in Ucraina siamo stati tutti inondati di video, di filmati, e soprattutto di fotografie. Li vediamo sui giornali, sui social network, ai telegiornali. E lo avrete notato anche voi: alcune fotografie hanno la capacità eccezionale di colpirci, di rimanerci in testa e di aiutarci a capire cosa sta succedendo, e perché.Alessio …
  continue reading
 
A Globo parliamo della Grecia, oltre le sue spiagge e le meraviglie archeologiche di Atene. Parliamo del primo ministro appena rieletto, Kiryakos Mitsotakis, che è un personaggio interessante e molto controverso. Parliamo di come la Grecia è uscita dalla crisi economica, e dell’altra gravissima crisi, quella dei migranti. Lo facciamo con Christian …
  continue reading
 
Due anni fa, nell’agosto del 2021, i talebani prendevano l’Afghanistan: con il ritiro dell’esercito americano, dopo vent’anni di occupazione, i gruppi armati dei talebani riconquistarono in maniera rapidissima tutto il paese, e il 15 agosto del 2021 arrivarono a prendere Kabul, la capitale. Ma a due anni di distanza, a Globo non vogliamo parlare de…
  continue reading
 
In questa puntata di Globo parliamo di una delle città più eccezionali del mondo: Hong Kong. Hong Kong fino al 1997 era stata una colonia britannica, poi fu restituita alla Cina: ma anche una volta tornata una città cinese è sempre stata una città molto speciale, cosmopolita e libera, e la testimonianza che un altro incontro tra la cultura occident…
  continue reading
 
A Globo parliamo di elezioni che sembrano lontanissime, e che invece sono molto più vicine di quanto possiate pensare. Le elezioni presidenziali americane saranno nel novembre del 2024, quindi fra ben più di un anno, ma negli Stati Uniti la campagna elettorale, di fatto, è già cominciata: dobbiamo cominciare a prepararci. Oggi parleremo del Partito…
  continue reading
 
Formalmente, in questa puntata di Globo parliamo delle elezioni in Spagna che saranno tra pochi giorni, il 23 luglio, e che sono molto importanti: Pedro Sánchez si gioca il suo governo, e probabilmente la sua carriera politica. Ma l’ospite di questa puntata è speciale: è Javier Cercas, uno dei più importanti scrittori spagnoli, che ha scritto roman…
  continue reading
 
Nella grande vicenda della rivolta armata del gruppo Wagner in Russia c’è terzo incomodo: è Alexander Lukashenko, il presidente della Bielorussia, che governa il paese da quasi trent’anni e che viene definito da tutti i giornali, italiani ed esteri, come l’ultimo dittatore d’Europa. In questi mesi di guerra in Ucraina abbiamo imparato a conoscere L…
  continue reading
 
Questa puntata di Globo è un esperimento, perché oggi espandiamo un po’ il nostro racconto delle cose del mondo e parliamo di inflazione. Perché l’inflazione non riguarda soltanto l’economia: tocca direttamente le vite di miliardi di persone, riguarda la globalizzazione, la transizione ecologica e in generale il modo in cui vogliamo strutturare le …
  continue reading
 
La rivolta del gruppo Wagner contro lo stato russo e contro il regime di Vladimir Putin a cui abbiamo assistito sabato 24 giugno è soltanto l’inizio. La marcia su Mosca di Yevgeny Prigozhin e dei suoi ha mostrato che il regime di Putin è debole: militarmente e politicamente, e che la guerra, anziché destabilizzare l’Ucraina, ha destabilizzato propr…
  continue reading
 
Questa puntata di Globo parte dalla morte di Silvio Berlusconi: non per inoltrarci nella politica italiana, ma perché molti analisti e studiosi negli ultimi giorni hanno ricordato Berlusconi come il padre di un certo populismo che poi è diventato prevalente in tutto l’Occidente. Partendo da Berlusconi raccontiamo l’ascesa del populismo in Europa, e…
  continue reading
 
Valerij Panjuškin è un giornalista russo con una carriera eccezionale. Ha lavorato per uno dei più importanti giornali russi, poi ha cercato di proseguire il suo lavoro nei giornali e nei media dell’opposizione, in maniera sempre più difficoltosa e rischiosa. Poco dopo lo scoppio della guerra è scappato in Europa, ma prima ha scritto un grande libr…
  continue reading
 
Cosa dobbiamo pensare quando un leader autoritario ha successo? È quello che sta succedendo in El Salvador, un piccolo paese dell’America Latina dove il presidente Nayib Bukele, un personaggio sopra le righe e molto peculiare, sta sì distruggendo la democrazia del paese, ma ha anche ottenuto un successo eccezionale contro le gang criminali del paes…
  continue reading
 
Questa puntata di Globo è un po’ speciale: è un reportage audio registrato a Istanbul, la città più grande della Turchia, dove abbiamo trascorso alcuni giorni per raccontare il ballottaggio delle elezioni presidenziali e la vittoria di Recep Tayyip Erdogan, e cosa succederà al paese ora che Erdogan ha ottenuto altri cinque anni al potere. Per quest…
  continue reading
 
La Thailandia è un paese di movimenti democratici impetuosi, di grandi dinastie politiche, e di un sistema monarchico originale e molto discusso. Oggi è governata da una giunta militare piuttosto autoritaria: ma il 14 maggio si sono tenute le elezioni generali, e la giunta militare ha perso sonoramente. Le ha vinte un quarantenne riformista, che po…
  continue reading
 
Oggi ci sono due ragioni per parlare della Georgia, un piccolo paese del Caucaso con meno di quattro milioni di abitanti: la prima, e più immediata, riguarda le enormi e partecipate proteste a favore dell’Unione Europea degli scorsi mesi, contro il governo filorusso del Paese. Ma la ragione più importante è che la Georgia è stata la prima. Il primo…
  continue reading
 
All’inizio dell’invasione russa in Ucraina era sembrato che l’Europa non avrebbe retto all’impatto della guerra. Che ci saremmo trovati schiacciati tra l’ex superpotenza russa da un lato e la superpotenza americana dall’altro: che saremmo rimasti deboli, sempre un po’ litigiosi, sempre un po’ divisi. Ma le cose sono andate diversamente. L’Europa ha…
  continue reading
 
Uno degli effetti della guerra in Ucraina è di aver reso concreto un concetto abitualmente lontano come quello di Occidente. È dal 2014, dalla prima rivolta filoeuropeista, che il popolo ucraino combatte per cercare di avvicinarsi all’Europa e all’Occidente, e ora che con l’invasione della Russia la guerra è diventata una questione di vita o di mor…
  continue reading
 
Sabato 15 aprile sono cominciati in Sudan violenti scontri armati tra l’esercito regolare del paese, guidato dal generale Abdel Fattah al-Burhan, e un potente gruppo paramilitare chiamato Rapid Support Forces, guidato dal generale Mohamed Hamdan Dagalo detto Hemedti. I combattimenti vanno avanti da giorni, nonostante i tentativi di cessate il fuoco…
  continue reading
 
Si dice da tempo che il governo della Spagna, guidato dal socialista Pedro Sánchez, sia il governo più di sinistra d’Europa. Il governo, che è in carica dal 2019, ha fatto anche in maniera rocambolesca moltissime riforme progressiste, al punto da diventare un punto di riferimento e un modello per moltissimi altri partiti di sinistra in tutta Europa…
  continue reading
 
TikTok è l’app di maggiore successo al mondo, quella che sta crescendo più di tutte le altre e che sta raccogliendo maggiori consensi. Ha oltre un miliardo di utenti in tutto il mondo e oltre 200 milioni in Europa. Ma TikTok, da mesi, è al centro di enormi polemiche. Negli Stati Uniti, il governo e il Congresso stanno discutendo molto seriamente de…
  continue reading
 
È da più di un anno che sui talk show televisivi, nei giornali, nei libri si parla dell’allargamento della NATO e infine, questa settimana, questo allargamento è avvenuto davanti ai nostri occhi. La Finlandia è entrata nella NATO, diventando il trentunesimo membro dell’alleanza militare e politica dei paesi occidentali. È un evento storico, e anche…
  continue reading
 
Il 14 Maggio in Turchia si terranno quelle che potrebbero essere le elezioni più sorprendenti e interessanti degli ultimi venti anni. Per la prima volta, quasi tutti i partiti dell’opposizione si sono riuniti in un grande cartello elettorale e hanno deciso di sostenere un unico candidato: tutti contro il presidente Recep Tayyip Erdogan. E per la pr…
  continue reading
 
Ormai più di dieci anni fa, la Tunisia era stata l’unico paese uscito bene dal fallimento generale della primavere arabe: in Tunisia la popolazione riuscì a cacciare il dittatore Ben Alì praticamente senza spargimenti di sangue, e il paese divenne una democrazia piuttosto libera e soprattutto laica. La Tunisia era l’unica democrazia del mondo arabo…
  continue reading
 
Da fine gennaio in Francia si protesta contro la riforma delle pensioni voluta dal presidente Emmanuel Macron, con enormi cortei e scioperi di massa. Gli scioperi stanno provocando grossi disagi. Spesso i trasporti pubblici sono fermi, le lezioni a scuola si interrompono, e i marciapiedi di Parigi sono pieni di spazzatura perché i netturbini e le d…
  continue reading
 
Loading …

Guida rapida