Marco Palagi pubblico
[search 0]
Altro

Scarica l'app!

show episodes
 
Loading …
show series
 
Se avess’io levità di una fanciulla invece di codesto, torturato, pesantissimo cuore e conoscessi la purezza delle acque come fossi entro raccolta in miti-sacrifici, spoglierei questa insipida memoria per immergermi in te, fatto mio uomo. Io ti debbo i racconti più fruttuosi della mia terra che non dà mai spiga e ti debbo parole come l’ape deve mie…
 
Mi dispiace per quelli che manco ci provano che non sfidano mai se stessi per quelli che non si buttano per paura di rovinarsi il vestito nuovo per paura di sbucciarsi la gamba, il cuore, per paura di soffrirci un po' mi dispiace per quelli che non fanno pazzie per quelli che non partono che non viaggiano che non beccano mai la pioggia in testa mi …
 
E quando ti hanno delusa tu non hai imprecato contro il cielo Non hai maledetto il sole, non hai fatto sgambetti alla luna Non hai rinviato i tramonti E quando ti hanno tradita tu non hai mosso un urlo Non hai dannato il vino, non hai scritto parolacce sopra i muri Non hai spaccato nessun vetro E quando ti hanno ferita non hai chiamato nessuno di n…
 
I vostri figli non sono figli vostri. Sono i figli e le figlie del desiderio che la vita ha di sé stessa. Essi non provengono da voi, ma attraverso di voi. E sebbene stiano con voi, non vi appartengono. Potete dar loro tutto il vostro amore, ma non i vostri pensieri. Perché essi hanno i propri pensieri. Potete offrire dimora ai loro corpi, ma non a…
 
insisti se credi sia il tuo posto giusto, resisti se trovi tratte di temporali, stringi i denti se serve a combattere il freddo, rannicchiati su te stessa se piovono colpi se devi cadere, cadi goditi i tuoi momenti di crollo in fondo non è altro che un'occasione di riposo e riparti appena sei carica di fiato, togliti il peso della polvere dai vesti…
 
...il motivo per cui non voglio più muovermi sono i suoi occhi. Castano chiaro come cioccolata, sono socchiusi, al loro interno una scintilla nel profondo che mi entra dentro come un coltello di luce, nel cuore e nella mente e nell'anima, una luce che splende in eterno i suoi occhi sorridono e ridono e cantano e danzano e sono le cose più belle che…
 
"Non te lo dicono" di James Frey tratto dal romanzo "Cuori scuri" Quando sei giovane Non te lo dicono Che la vita Vada come vada Nel bene o nel male In ricchezza o in povertà Felice o meno La vita non cambia mai davvero [...] Quando sei giovane Non te lo dicono Che ti si spezzerà il cuore E Non Guarirà Mai Che il tuo cuore Si spezzerà Ancora e anco…
 
Per celebrare Charles Bukowski, nell'anno in cui avrebbe compiuto 102 anni, un reading online in diretta dove leggerò alcuni testi tratti dalle sue opere più famose. Un'occasione informale per ricordare lo scrittore e per rammentarci che i sogni possono essere esauditi, anche se - come nel caso di Bukowski - è necessario aspettare cinquant'anni! Mu…
 
La vita sarebbe forse più semplice se io non ti avessi mai incontrata. Meno tristezza ogni volta che dobbiamo separarci meno paura della prossima separazione e di quella che verrà ancora. E anche poco di quella nostalgia impotente che quando non ci sei vuole l’impossibile e subito e fra un istante e che poi, poichè non è possibile, resta turbata e …
 
A cura di di Vincenzo Mantovani chiedete ai pittori da marciapiede di Parigi chiedete al sole su un cane addormentato chiedete ai tre porcellini chiedete al giornalaio chiedete alla musica di Donizetti chiedete al barbiere chiedete all'assassino chiedete all'uomo appoggiato al muro chiedete al predicatore chiedete all'ebanista chiedete al borsaiolo…
 
“Fa' attenzione” di gio evan fa' attenzione quando incontri un persona gentile perché ti trovi davanti al più fragile dei capolavori fa' attenzione quando incontri una persona umile perché stai assistendo al più grande valore umano mai esistito sii attento quando passi di fronte a una persona che ha imparato l'ascolto perché ti trovi vicino al segr…
 
“Lettera d’amore” di Alda Merini Lirica tratta dalla silloge “Titano amori intorno” La Vita Felice editore Scrivi una lettera d’amore soltanto che abbia il seme di un gran sospiro e poi dimenticala nella memoria perché io la possa ascoltare. Di notte, quando dormi, tu non sai ma vengo a cercarti: il mio limite freddo di sogno combacia con il tuo, v…
 
Senza che lo chiedessi, mi hai fatto la grazia di magnificare il mio membro. Senza che lo sperassi, sei caduta in ginocchio in posizione pia. Quello che è stato non è stato sepolto. Per sempre e un giorno il pene riceve la pietà osculante della tua bocca. Oggi non ci sei né so dove sarai, nell’impossibilità totale di un gesto o di un messaggio. Non…
 
Fiori, frammenti del tuo corpo; a me reclamo la sua linfa. Stringo tra le mie labbra la lacerante verga del gladiolo. Cucirei limoni al tuo torso, le sue durissime punte nelle mie dita come alti capezzoli di ragazza. La mia lingua già conosce le più morbide strie del tuo orecchio ed è una conchiglia. Essa sa del tuo latte adolescente, ed odora dell…
 
"Non solo il fuoco" di Pablo Neruda Ahi, sì, ricordo, ahi, i tuoi occhi chiusi come pieni dentro di luce nera, tutto il tuo corpo come una mano aperta, come un grappolo bianco della luna, e l’estasi, quando un fulmine ci uccide, quando un pugnale ci ferisce nelle radici e una luce ci spezza la chioma, e quando di nuovo torniamo alla vita, come usci…
 
Se tu dovessi venire in autunno mi leverei di torno l’estate con un gesto stizzito e un sorrisetto, come fa la massaia con la mosca. Se entro un anno potessi rivederti, avvolgerei in gomitoli i mesi, per poi metterli in cassetti separati – per paura che i numeri si mescolino. Se mancassero ancora alcuni secoli, li conterei ad uno ad uno sulla mano …
 
Io non ho paura di quelle che il mondo chiama “belle donne”. Io ho paura delle altre. Ho paura di quelle che escono di casa con un filo di trucco. Di quelle che capisci subito se hanno passato una nottata in bianco dalle occhiaie che si portano dietro. Di quelle che si legano i capelli con una matita. Di quelle che si guardano allo specchio e sorri…
 
Un tempo ero un’inguaribile romantica. Lo sono tuttora. Un tempo credevo che l’amore fosse il valore più grande. Lo credo tuttora. Non mi aspetto di essere felice. Non credo che troverò l’amore, qualunque cosa voglia dire, o che, se lo troverò, mi renderà felice. Non penso che l’amore sia una risposta o una soluzione. Penso che l’amore sia una forz…
 
Se decidi di innamorarti di me, prendi i miei lati oscuri e riempili di luce. Se decidi di innamorarti di me, tieni sopra le tue spalle le mie lacrime. Io farò altrettanto. E peserà tutto di meno. Se decidi di innamorarti di me, prendi il coraggio a quattro mani e raccontami di te. Anche se ti sembra di non avere nulla da dire. Se decidi di innamor…
 
"Questa separazione ci fa tanto male perché le nostre anime sono legate l'una all'altra. Forse lo sono sempre state e lo saranno sempre. Forse abbiamo vissuto mille vite prima di questa e in ciascuna ci siamo incontrati. E forse, ogni volta siamo stati costretti a separarci per le stesse ragioni. Perciò questo è un addio che dura da diecimila anni …
 
alcuni cani quando dormono di notte forse sognano ossa e io mi ricordo delle tue ossa nella carne e ancor meglio sotto quell’abito verde scuro e quelle scarpe nere lucide con il tacco alto, Imprecavi sempre quando bevevi, i capelli ti ricadevano giù, tu che volevi esplodere da cio che ti tratteneva: ricordi marci di un passato marcio, e tu che alla…
 
Avrei bisogno anche io, a volte di un attimo di spalle coperte qualcuno che mi prenda da dietro e pratichi l'abbraccio a sorpresa un come stai, fatto come si deve intorno al fuoco di un'estate sensazionale un come stai, che dopo ti ascoltano la risposta e non c'è musica che possa distrarre l'apertura di un amico avrei bisogno anche io, a volte di u…
 
Dicono sia un mio difetto quello di dimenticare il male che mi è stato fatto. Che non è affatto un pregio quello di lasciar andare via dai miei ricordi i traumi subìti, le spinte ricevute, i dolori che gli altri avevano da regalarmi, le loro maleducazioni. Mi dicono che se dimentico i danni subìti poi tendo ad accoglierli nuovamente, ad affogare ne…
 
Vi auguro sogni a non finire e la voglia furiosa di realizzarne qualcuno vi auguro di amare ciò che si deve amare e di dimenticare ciò che si deve dimenticare vi auguro passioni vi auguro silenzi vi auguro il canto degli uccelli al risveglio e le risate dei bambini. Vi auguro di rispettare le differenze degli altri perché il merito e il valore di o…
 
Estratto dal romanzo "Chiamami papà" di Marco Palagi uscito l'11/11/2020 per Giovane Holden Edizioni. Lettura di Francesco Grassi Niccolai. https://bit.ly/3meQisu Sinossi: Lorenzo, alle soglie dei quarant’anni, si trasferisce a New York lasciandosi alle spalle un matrimonio fallito e una professione, quella di necroforo, quantomeno inusuale. Gli St…
 
“Io vorrei stare sopra le tue labbra” di Federico García Lorca Io vorrei stare sopra le tue labbra per spegnermi alla neve dei tuoi denti. Io vorrei stare dentro il tuo petto per sciogliermi al tuo sangue. Fra i tuoi capelli d’oro vorrei eternamente sognare. E che diventasse il tuo cuore la tomba al mio che duole. Che la tua carne fosse la mia carn…
 
"La principessa sul pisello" di Hans Christian Andersen Tratto da "La sirenetta & altre fiabe" Edizione illustrata da MinaLima. Testo integrale con inserti cartotecnici. Traduzione di Alda Manghi e Marcella Rinaldi https://www.ippocampoedizioni.it/libro/9788867225460Di Marco Palagi
 
Di salmastro e di terra è il tuo sguardo. Un giorno hai stillato di mare. Ci sono state piante al tuo fianco, calde, sanno ancora di te. L'agave e l'oleandro. Tutto chiudi negli occhi. Di salmastro e di terra hai le vene, il fiato. Bava di vento caldo, ombre di solleone tutto chiudi in te. Sei la voce roca della campagna, il grido della quaglia nas…
 
A pochi giorni dalla festa della mamma ho riletto uno dei libri più belli di Oriana Fallaci: "Lettera a un bambino mai nato". Per tutte le donne, per tutti gli uomini, per chi vuole diventare genitore e per chi reclama il diritto di non esserlo. Qui primo capitolo...Di Marco Palagi
 
Fammi essere ancora figlio. Solo una volta. Una volta sola. Poi ti lascio andare. Ma per una volta, ancora, fammi sentire sicuro. Proteggimi dal mondo. Fammi dormire nel sedile dietro il tuo. Guida tu. Che io sono triste e stanco. Ho voglia che sia tu a guidarmi, papà. Metti la musica che ti piace. Che sarà quella che una volta cresciuto piacerà a …
 
Più dei tramonti, più del volo di un uccello, la cosa meravigliosa in assoluto è una donna in rinascita. Quando si rimette in piedi dopo la catastrofe, dopo la caduta. Che uno dice: è finita. No, non è mai finita per una donna. Una donna si rialza sempre, anche quando non ci crede, anche se non vuole. Parlo di te, che questo periodo non finisce più…
 
"Ecco cosa univa gli uomini e le donne: non l'incontro delle loro menti e delle loro anime, non la congiunzione dei corpi nell'oscura follia della copula. Niente di tutto ciò. Era il bisogno sottile di creare un vincolo, un legame più fragile del merletto più delicato. Era per questo che lottavamo incessantemente - e sempre, in fondo, da soli; era …
 
Estratto da "Occhi di marrone" di Iacopo Maccioni Giovane Holden Edizioni - www.giovaneholden.it "Tutti in fila. Molti col capo chinato in avanti. Tutti in fila, senza colori. Processione di morti, sequenza d’individui privati di voce. Hanno la bocca ma non parlano, orecchie e non odono, narici ma non odorano, mani e non palpano. Piedi. Piedi che n…
 
Estratto dal romanzo "Chiamami papà" di Marco Palagi uscito l'11/11/2020 per Giovane Holden Edizioni. Lettura dell'autore. https://bit.ly/3meQisu Sinossi: Lorenzo, alle soglie dei quarant’anni, si trasferisce a New York lasciandosi alle spalle un matrimonio fallito e una professione, quella di necroforo, quantomeno inusuale. Gli Stati Uniti, patria…
 
“Il pianeta degli alberi di Natale” di Gianni Rodari Lettura di Marco Palagi Dove sono i bambini che non hanno l'albero di Natale con la neve d'argento, i lumini e i frutti di cioccolata? presto, presto adunata, si va sul Pianeta degli alberi di natale, io so dove sta. Che strano, beato Pianeta… Qui è Natale ogni giorno. Ma guardatevi attorno: gli …
 
Estratto dal romanzo "Chiamami papà" di Marco Palagi uscito l'11/11/2020 per Giovane Holden Edizioni. Lettura dell'autore. https://bit.ly/3meQisu Sinossi: Lorenzo, alle soglie dei quarant’anni, si trasferisce a New York lasciandosi alle spalle un matrimonio fallito e una professione, quella di necroforo, quantomeno inusuale. Gli Stati Uniti, patria…
 
“A tutti i giovani raccomando” di Alda Merini Lettura di Marco Palagi A tutti i giovani raccomando: aprite i libri con religione, non guardateli superficialmente, perché in essi è racchiuso il coraggio dei nostri padri. E richiudeteli con dignità quando dovete occuparvi di altre cose. Ma soprattutto amate i poeti. Essi hanno vangato per voi la terr…
 
“Adesso sono cresciuto” di Jacques Prévert Traduzione di Francesco Bruno Lettura di Marco Palagi Da bambino mi sono proprio divertito tanto ridere tanto ridere per niente e subito dopo una tristezza opprimente e talvolta tutt’e due contemporaneamente. Allora mi credevo disperato. Invece mi mancava solo la speranza non avevo nient’altro che esser vi…
 
Illustrato da Shawn Harris Lettura di Marco Palagi Mondadori Pochi sanno che il piede destro della Statua della Libertà è sollevato dal piedistallo. Come se la Statua volesse andare da qualche parte. Ma dove? Dave Eggers risponde a questa domanda raccontando la storia del simbolo americano per eccellenza e trasmettendoci il suo attualissimo messagg…
 
Loading …

Guida rapida

Google login Twitter login Classic login