Valerio Moggia pubblico
[search 0]
Altro
Scarica l'app!
show episodes
 
Artwork
 
Il calcio raccontato attraverso la storia e i fenomeni politici e sociali. Lo sport raccontato come la storia dell'epoca contemporanea, dalla seconda metà dell'Ottocento a oggi, spaziando ai vari angoli del mondo.
  continue reading
 
Loading …
show series
 
Tra la fine degli anni Quaranta e quella degli anni Sessanta, la Jugoslavia si impone, sia come nazionale che con i suoi club, come una delle nuove grandi realtà del calcio globale. Alla base di questo fenomeno c'è un paese comunista piuttosto atipico, leader di un terzo blocco, indipendente sia da quello capitalista che da quello sovietico. LE FON…
  continue reading
 
Secondo EXTRA di Pallonate in Faccia, dedicato alla Coppa d'Africa in corso in questi giorni, con particolare attenzione sul suo paese ospitante. La Costa d'Avorio, che è anche finalista della competizione, è uno stato in grande crescita economica che punta molto sul torneo per lanciare la sua nuova immagine internazionale. LE FONTI USATE PER QUEST…
  continue reading
 
A sorpresa, i Mondiali del 1962 vengono assegnati al Cile, un piccolo paese sudamericano molto povero e sportivamente poco noto. Eppure, la nazionale locale sta emergendo a buon livello, e il paese è uno di quelli maggiormente osservati a livello politico sia dagli Stati Uniti che dall'Unione Sovietica. LE FONTI USATE PER QUESTO EPISODIO: ALBARCES …
  continue reading
 
Un episodio speciale, un nuovo format che si inserisce occasionalmente negli episodi sulla storia del calcio, per approfondire tematiche di attualità del calcio e della politica. In questo caso, i conflitti politici e militari in corso tra vari paesi che competono nella Coppa d'Asia in questo momento in corso in Qatar. LE FONTI USATE PER QUESTO EPI…
  continue reading
 
Dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale, la Spagna di Francisco Franco è l'ultimo relitto del mondo nazifascista, ma proprio nel calcio troverà un fondamentale strumento diplomatico per riciclarsi come amica dei paesi occidentali anticomunisti. Tra gli anni Cinquanta e Sessanta, il Real Madrid e poi il Barcellona imporranno la Spagna tra le gran…
  continue reading
 
Arrivati al 1960, il calcio è ormai uno sport pienamente diffuso e soprattutto organizzato a livello mondiale, con la nascita di tutte le istituzioni e le competizioni che grossomodo esistono ancora oggi, oltre 60 anni dopo. Le visioni politiche ed economiche del dopoguerra sono alla base dell'inizio di una nuova fase della storia di questo sport. …
  continue reading
 
I Mondiali del 1958 impongono all'attenzione generale un ragazzino di 17 anni appena chiamato Pelé, che da quel momento in avanti s'imporrà come la più grande icona della storia del calcio e come uan figura sociale di dimensione veramente globale. LE FONTI USATE PER QUESTO EPISODIO: DIETSCHY Paul, Histoire du Football, Librairie Académique Perrin K…
  continue reading
 
Per l'edizione del 1958, la FIFA assegna la Coppa del Mondo alla Svezia, un paese che sta vivendo una grandissima crescita economica e sociale, sovvertendo il dualismo della Guerra Fredda, e che da un decennio è uno dei movimenti calcistici migliori al mondo. LE FONTI USATE PER QUESTO EPISODIO: ANDERSSON Torbjörn, CARLSSON Bosse, Football in Scandi…
  continue reading
 
Il secondo dopoguerra segna la fine degli imperi coloniali europei, e l'emergere dei nuovi stati africani, in cui il calcio è un fattore di unità politica e sociale fortissimo. Ripercorriamo, in questo episodio, la storia delle origini del calcio in Africa e il suo ruolo nella decolonizzazione e nella costruzione dei nuovi stati nazionali. LE FONTI…
  continue reading
 
Nel 1954, i nazionalisti algerini iniziano una guerra contro la Francia per ottenere la fine del dominio coloniale sulla regione nordafricana. Si tratta di uno degli episodi chiave della decolonizzazione, ma anche di un conflitto estremamente cruento in cui il calcio avrà un ruolo centrale come strumento di propaganda per entrambi gli schieramenti.…
  continue reading
 
Un'altra grande novità dei Mondiali di Svizzera 1954 è la prima storica partecipazione della Turchia, un paese erede del grande Impero Ottomano che si sta aprendo alla modernità e alle riforme, e in cui il calcio vive un'improvviso boom internazionale nei primi anni Cinquanta. LE FONTI USATE PER QUESTO EPISODIO: Before the National Turkish Leagues,…
  continue reading
 
Nel 1954, la Corea del Sud diventa la seconda nazionale asiatica a partecipare alla Coppa del Mondo: è uno stato che esista da appena sei anni, e che solo un anno prima è sopravvisuto a una sanguinosa guerra che ha coinvolto gran parte del mondo. Oggi raccontiamo come il calcio è arrivato nella penisola coreana, incrociandosi con la sua complicata …
  continue reading
 
Una piccola vicenda dimenticata della storia del calcio e dell'Europa, un piccolo stato per secoli conteso che, attraverso il calcio, riesce finalmente a potersi affermare a decidere quale sarà il suo destino: è la storia del Saarland. Non ne avete mai sentito parlare? Un motivo in più per ascoltare questo episodio. LE FONTI USATE PER QUESTO EPISOD…
  continue reading
 
La Germania Ovest si presenta al suo primo Mondiale post-bellico nel 1954 senza grandi aspettative, finendo per sorprendere tutti e vincere un titolo incredibile, in finale contro la Grande Ungheria. Un evento sportivo che diventerà però il primo mito fondante di un paese ansioso di dimostrare al mondo di essere molto meglio di ciò che il Nazismo a…
  continue reading
 
Tra il 1952 e il 1956, l'Ungheria si impone come la squadra più forte del mondo, trascinata da fenomeni come Puskás, Hidegkuti, Kocsis e Czibor, autori di un gioco ultra-offensivo e spettacolare. I magiari diventano la prima nazionale del mondo comunista ad affermarsi come una potenza del calcio globale, ma la loro epoca magica finirà con lo scontr…
  continue reading
 
L'India ottiene la sua prima (e finora unica) qualificazione alla fase finale di un Mondiale di calcio nel 1950: la nazione è nata da appena tre anni, e ha un movimento calcistico molto sviluppato rispetto agli altri paesi asiatici. Eppure, la Federazione compirà una coraggiosa scelta, decidendo alla fine di disertare il torneo per protesta. Ma qua…
  continue reading
 
Per la prima volta nella storia, l'Inghilterra prendeva parte, nel 1950, ai Mondiali di calcio, con tutta l'intenzione di vincerli. Invece, sulla sua strada finì per trovare una squadra di lavoratori e immigrati decisi a impedirglielo: era tutto ciò che restava del florido movimento del calcio statunitense, dissolto dalla Grande Depressione. LE FON…
  continue reading
 
Nel 1950 tornano a disputarsi i Mondiali, a dodici anni dall'ultima edizione, e si torna in Sudamerica, nel Brasile che è uno dei paesi emergenti sulla scena internazionale, sia a livello sportivo che politico ed economico. Ma l'epilogo del torneo non sarà quello che ci si attendeva. AGGIORNAMENTO: Grazie a Eric Santiago, che ha notato un refuso: i…
  continue reading
 
La prima metà del Novecento è segnata dalla forte rivalità tra il calcio europeo e quello sudamericano, che si contendono non solo il dominio globale, ma anche la paternità di questo sport. Lo scontro si declina su più livelli: in campo, alle Olimpiadi e ai Mondiali, ma anche sul piano politico ed economico. LE FONTI USATE PER QUESTO EPISODIO: ALAB…
  continue reading
 
Per festeggiare due anni di podcast di Pallonate in Faccia, in questo episodio si risponde ad alcune domande poste dagli ascoltatori e dalle ascoltatrici, sempre su argomenti di calcio, storia e politica, ma anche sugli aspetti più tecnici dietro questo progetto. Nella puntata di oggi si parla di calciatori rom e sinti, della rivalità tra Celtic e …
  continue reading
 
A partire dal 1949, nella fino a quel momento marginale Colombia si sviluppa un campionato di calcio "pirata", esterno alla FIFA, che investe grandi quantità di denaro per assicurarsi i migliori calciatori del Sudamerica e anche dell'Europa. La Dimayor diventa il punto di approdo di campioni come Pedernera e Di Stéfano, in fuga dal fallito sciopero…
  continue reading
 
Mentre l'Europa usciva faticosamente dalla guerra, in Argentina si apriva una nuova fase politica, fatta di speranza e rinnovamento, e incarnata dal nuovo Presidente, Juan Domingo Perón. Il Peronismo finì per cambiare radicalmente tutta la società argentina, agendo massicciamente anche sul mondo del calcio, strumento privilegiato per l'affermazione…
  continue reading
 
Per continuare e concludere il mini-ciclo dedicato al Grande Torino e all'Italia del dopoguerra e della ricostruzione, in questo episodio incontriamo Diego Fornero, giornalista e autore del podcast "Invincibili - Il Grande Torino", per parlare di come la squadra granata ha influito sulla società italiana e quale sia il suo lascito oggi. LE FONTI US…
  continue reading
 
La storia del secondo dopoguerra in Italia è la storia del Grande Torino, la squadra che domina il calcio nazionale nella seconda metà degli anni Quaranta e diventa un simbolo sociale che va ben oltre il rettangolo verde. La vicenda dei campioni in maglia granata non è solo sport, ma lo specchio di un paese spezzato che faticosamente cercava di met…
  continue reading
 
Nel 1945, il celebre scrittore britannico fece una dura critica al calcio, in occasione della tournée della Dinamo Mosca nel Regno Unito. Sport e politica si incrociavano a pochissimi mesi dalla fine della guerra, anticipando le tensioni della Guerra Fredda ma anche i nuovi sviluppi del calcio internazionale. LE FONTI USATE PER QUESTO EPISODIO: BRU…
  continue reading
 
Il Fascismo pretendeva di aver creato un calcio nazionale completamente italiano, dalla Serie A alla squadra azzurra. Questo progetto, sorto a partire dalla Carta di Viareggio del 1926, in realtà era solo propaganda: sia il campionato che la Nazionale erano pieni di stranieri a vari livelli, dai celebri oriundi fino agli abitanti dei possedimenti c…
  continue reading
 
L'8 settembre 1943 l'Italia abbandona l'alleanza con la Germania nazista, e il paese si ritrova spaccato a metà, tra un Sud controllato dalla Monarchia e dagli Alleati, e un Nord in mano ai nazifascisti, in lotta contro gruppi di ribelli armati. È l'inizio della Resistenza, uno dei momenti fondamentali nella storia dell'Italia. Tra i partigiani che…
  continue reading
 
La Shoah è stato un evento cruciale della storia del mondo, e anche di quella del calcio, cancellando un'intera generazione di calciatori e allenatori ebrei. Se fino alla Seconda Guerra Mondiale il calcio era stato un fenomeno anche ebraico, dopo di essa le cose saranno completamente diverse. LE FONTI USATE PER QUESTO EPISODIO: BOLCHOVER David, Rem…
  continue reading
 
Nell'Ucraina occupata dai nazisti, un gruppo di ex-calciatori della Dinamo Kiev fu costretto a giocare e perdere contro una squadra di tedeschi; e invece vinsero, furono arrestati e fucilati. Così almeno vuole la leggenda dietro la celebre Partita della Morte, ma la realtà è ben diversa, anche se ancora poco nota. LA FONTI USATE PER QUESTO EPISODIO…
  continue reading
 
Nel 1939, il mondo è di nuovo in guerra. Il calcio viene nuovamente travolto, come era avvenuto 25 anni prima, da un conflitto brutale, ma non per questo lo ignorerà: molti calciatori combatteranno al fronte, altri invece resteranno a casa a giocare per allietare la popolazione e distrarla il più possibile dagli orrori del massacro. Con questo epis…
  continue reading
 
Dopo aver raccontato, nell'episodio 41, il ruolo del calcio nella Guerra Civile spagnola, è venuto il momento di un approfondimento su una delle storie citate: quella della selezione basca che girò l'Europa e il mondo per raccogliere fondi e consenso per la Repubblica aggredita dai fascisti. L'ospite di questa puntata è Edoardo Molinelli, autore di…
  continue reading
 
La Spagna era stata una delle squadre migliori, durante i Mondiali del 1934, tenendo bene testa all'Italia, ma a Francia 1938 non partecipò: da due anni, il paese iberico era spaccato a metà dalla guerra civile tra ribelli fascisti e governo repubblicano. Il conflitto coinvolse direttamente anche il calcio e i suoi protagonisti, in un modo mai vist…
  continue reading
 
Episodio natalizio in cui, dopo varie puntate a parlare del calcio delle origini, analizziamo questo sport sotto una luce più antropologica e filosofica, paragonandolo appunto ai fenomeni religiosi. Un discorso che verte attorno a un bellissimo saggio di Marc Augé del 1982. LE FONTI USATE PER QUESTO EPISODIO: - AUGÉ Marc, Football. Il calcio come f…
  continue reading
 
"Sportwashing" è una delle parole più diffuse nella cronaca (non solo sportiva) degli ultimi anni, e con i Mondiali in Qatar in corso sta circolando ancora più che prima. Ma cosa significa esattamente, da dove nasce e quanto ha senso utilizzarla? Un piccolo approfondimento su uno dei temi centrali del discorso su calcio e politica nel mondo di oggi…
  continue reading
 
Si è discusso molto, in questo inizio di Mondiali in Qatar, del ruolo dei calciatori, di ciò che hanno o non hanno fatto, e del senso delle loro proteste. Oggi più che mai, i giocatori stanno prendendo posizioni politiche importanti, non solo su Qatar 2022 ma anche in altri momenti e ambiti sociali. Proviamo a fare il punto su questo tema. PER APPR…
  continue reading
 
Niente sottofondo musicale, in questo episodio. Solo una voce nel silenzio, per raccontare i Mondiali di calcio che stanno per iniziare in Qatar, e che sono stati una delle edizioni più discusse e criticare di sempre. Questa puntata del podcast vuole essere una breve guida a un torneo controverso, di cui probabilmente si è parlato - almeno in Itali…
  continue reading
 
La prima squadra asiatica a giocare un Mondiale non è stata una delle potenze riconosciute del calcio orientale - come Giappone, Corea del Sud o Iran - ma bensì una nazione ben meno blasonata, che oggi ha un nome diverso, figlio dell'indipendenza conquistata solo qualche anno dopo quell'esordio: le Indie Orientali Olandesi, cioè l'odierna Indonesia…
  continue reading
 
Per molte ragioni, i Mondiali del 1938 possono rappresentare una sorta di spartiacque nella storia del calcio, dal punto di vista dell'organizzazione dei tornei sportivi - seguendo un processo già avviato dai Mondiali del 1934 in Italia e dalle Olimpiadi del 1936 a Berlino - ma anche a livello politico, in quanto ultima edizione del torneo prima de…
  continue reading
 
Gli anni Trenta sono anche gli anni del Wunderteam, la fortissima Nazionale dell'Austria allenata da Hugo Meisl vincitrice della Coppa Internazionale nel 1932 e quarta classificata ai Mondiali del 1934. Vicende sportive e ovviamente politiche, come ad esempio l'annessione alla Germania nazista, segnarono il tramonto della squadra austriaca, la cui …
  continue reading
 
Un episodio speciale e diverso dal solito, che ci riporta nel presente per discutere come la politica italiana, in particolare in occasione delle elezioni politiche del settembre 2022, si sia trasformata progressivamente in una sottospecie del calcio. PER APPROFONDIRE: MOGGIA Valerio, Bernard Tapie, scesa e declino del re di Marsiglia, Pallonate in…
  continue reading
 
La Germania degli anni Trenta è la risultante delle politiche del dopoguerra e del crollo della borsa del 1929: prendendo spunto dall'Italia fascista, Adolf Hitler ristruttura il Paese coinvolgendo ovviamente anche il calcio in un progetto di volontà di potenza e feroce razzismo. La Germania si affaccia così sullo scenario internazionale del pallon…
  continue reading
 
Gli anni Trenta segnano l'ascesa del calcio ungherese, che dai successi dei club nella Coppa Mitropa arriva alla grande finale mondiale del 1938, coronando il lungo percorso di affermazione internazionale di uno dei movimenti più tecnici e spettacolari d'Europa. Ma in Ungheria questi sono anche gli anni anni del regime di Miklós Horthy, e di una po…
  continue reading
 
Gli Europei femminili del 2022 sono stati probabilmente il più importante torneo della storia di questo sport, non solo per il livello tecnico ma anche per l'elevata attenzione mediatica che hanno raggiunto, stabilendo anche il record di spettatori dal vivo per una finale degli Europei sia al femminile che al maschile. Un risultato che testimonia l…
  continue reading
 
Nel 1934, l'Egitto diventa la prima Nazionale africana a prendere parte ai Mondiali di calcio, dopo che già dieci anni prima aveva partecipato - ottenendo un risultato clamoroso contro l'Ungheria - al torneo delle Olimpiadi di Parigi. Nella terra dei faraoni, il calcio ha rappresentato fin da subito uno strumento politico, dividendo le varie identi…
  continue reading
 
Il calcio non è solo una questione tra Europa e Sudamerica: già nel 1930, gli Stati Uniti arrivavano terzi ai Mondiali, coronando un decennio di grande crescita nel calcio, di cui il mondo sapeva - e avrebbe continuato a lungo a sapere - pochissimo. Ci spostiamo allora in Nord America per parlare di come il football è arrivato e si è sviluppato in …
  continue reading
 
L'aumento del prezzo degli abbonamenti di DAZN, che trasmette la Serie A in Italia, è solo la punta dell'iceberg del problema dei diritti tv del calcio, un tempo gallina dalle uova d'oro per i club in cerca di maggiori guadagni e oggi sempre più bolla sul punto di esplodere, in Italia più che altrove. Un viaggio nella storia e nell'attualità di un …
  continue reading
 
Per festeggiare un anno di podcast di Pallonate in Faccia, in questo episodio si risponde ad alcune domande poste dagli ascoltatori e dalle ascoltatrici, sempre su argomenti di calcio, storia e politica, ma anche sugli aspetti più tecnici dietro questo progetto. LE FONTI CITATE IN QUESTO EPISODIO: JSTOR.org MOGGIA Valerio, I padroni del calcio: Ita…
  continue reading
 
Nel 1933, nel pieno dell'epoca fascista, il calcio femminile arrivava in Italia, scontrandosi con la dura opposizione della società e del regime. Quello del GFC di Milano fu un esperimento di breve durata, ma che ci aiuta a raccontare l'inizio della storia del calcio femminile nel nostro Paese e la battaglia delle donne per avere maggiori diritti e…
  continue reading
 
Carlo Carcano era uno dei più grandi allenatori al mondo quando, alla fine del 1934, venne improvvisamente sollevato dall'incarico alla Juventus, sparendo di fatto dal mondo del calcio. Anni dopo, le voci sul motivo del suo esonero hanno iniziato a raccontare di uno scandalo omosessuale all'interno dello spogliatoio bianconero, mettendo in luce anc…
  continue reading
 
Dopo aver raccontato lo sviluppo del calcio nell'Italia fascista, negli episodi 21 e 22, è giunto il momento di approfondire quella che fu una delle città simbolo del calcio italiano del periodo, Bologna, e la figura che la dominava, ovvero il gerarca Leandro Arpinati. Per farlo, ospite d'occasione in questo episodio è Pierfrancesco Trocchi, membro…
  continue reading
 
Loading …

Guida rapida