×
Mario Sechi pubblico
[search 0]
×
I migliori podcast di Mario Sechi (aggiornato Febbraio 2020)
I migliori podcast di Mario Sechi
Aggiornato Febbraio 2020
Unisciti ora ai milioni di utenti di Player FM per ricevere notizie ed idee quando preferisci, perfino quando sei offline. Ascolta podcast in maniera più intelligente con l'app di podcast gratuita che rifiuta i compromessi. Ascoltiamo qualcosa!
Entra nella migliore app di podcast al mondo per gestire online i tuo programmi preferiti e riprodurli offline sulle tue app Android e iOS. È gratuito e facile!
More
show episodes
 
List è una boutique editoriale che non ha pubblicità, non è alla ricerca di clic per vendere banner, non è a caccia di junk news per catturare utenti. Abbiamo fatto una scelta precisa di indipendenza e qualità: dare ai lettori notizie e analisi di valore, spesso controcorrente, sempre davanti e dietro le quinte della contemporaneità. List mostra la parte sommersa dell’iceberg, quella invisibile. In poche parole, buon giornalismo. List raccoglie informazioni di prima mano, analizza in profond ...
 
Dal lunedì al venerdì Giovanni Minoli conduce Mix24, con i suoi "Faccia a Faccia" ai grandi protagonisti della politica, dell'economia e della cultura. Le notizie, le inchieste e gli approfondimenti con Mario Sechi e le sue bolle graffianti e Pietrangelo Buttafuoco e i suoi "salamini" irriverenti. Poi, la Medicina in una rubrica quotidiana che seleziona i più importanti articoli pubblicati sulle migliori riviste scientifiche del mondo. E naturalmente "I Gialli della Storia", un thriller radi ...
 
Loading …
show series
 
Il presidente americano ha ordinato lo strike con un drone per uccidere il generale Soleimani a Baghdad. La morte di una figura leggendaria del regime iraniano è un'opportunità o un grande problema? Come cambia il gioco geopolitico in Medio Oriente. Un'indagine del titolare di List e Dario Fabbri, analista di Limes. Ascolta RadioList.…
 
L'annuncio di Trump: Baghdadi è morto come un cane e un codardo. Il significato dell'eliminazione del capo dell'Isis, la differenza tra l'uccisione di Bin Laden e quella di Baghdadi, il gioco delle potenze in Siria. Il ruolo chiave di Turchia e Iran, il problema dei curdi. Perché la strategia della Casa Bianca è coerente con gli obiettivi dell'Amer…
 
Che cosa sta succedendo in Catalogna? Perché la protesta appare nuova e non più solo legata alla questione indipendentista. La politica, lo Stato unitario, le parole dei partiti catalani, la violenza e una sorpresa: c'è una massa giovane in piazza che non ha rappresentanza. Un'indagine del titolare e del socio spagnolo di List, Mario Sechi e Maite …
 
La Turchia invade la Siria del Nord, bombarda i curdi e minaccia di aprire le porte dell'Europa a oltre 3 milioni di profughi. La reazione dell'Unione europea è nulla, ne dimostra l'impotenza. L'America si disimpegna dal Medio Oriente. Perché la Cina, l'India, le potenze emergenti diventate un problema che scuota la sempre più debole cultura dell'O…
 
L’edizione 1975 del festival jazz di Pescara entrò negli annali non solo ..per la qualità del suo cartellone, ma anche per gli incidenti che la ..caratterizzarono. La sera precedente quella dell’esibizione di Chet ..Baker, al Parco delle Naiadi dei giovani cercarono di sfondare, ci ..furono tafferugli con la polizia, e il povero Don Cherry che era …
 
Presentare l'esibizione di Joao Gilberto a Umbria Jazz '96 è anche il .modo per Jazz in un giorno d'estate di rendere omaggio al grande artista .brasiliano che è mancato ai primi di luglio. Gilberto conclude la sua .esibizione al Teatro Morlacchi interpretando Chega de saudade, il brano .che nella sua interpretazione nel '58 aveva fatto esplodere i…
 
Presentare l’esibizione di Joao Gilberto a Umbria Jazz ’96 è anche il modo per Jazz in un giorno d’estate di rendere omaggio al grande artista brasiliano che è mancato ai primi di luglio. Gilberto conclude la sua esibizione al Teatro Morlacchi interpretando Chega de saudade, il brano che nella sua interpretazione nel ’58 aveva fatto esplodere in Br…
 
La presentazione di Joao Gilberto a Umbria Jazz ’96 rientrava nell’apertura al Brasile che il festival aveva operato dal ’93. Ma Joao Gilberto era più strettamente pertinente rispetto ad una manifestazione deputata al jazz, perché la bossa nova era stata influenzata dal cool .jazz americano degli anni cinquanta e perché poi Gilberto era stato uno d…
 
All’inizio degli anni novanta Umbria Jazz comincia a fare i conti con la scomparsa di diversi grandi protagonisti della storia del jazz. E dopo l’exploit dell’incontro fra Gil Evans e Sting nell’edizione 1987, negli anni novanta Umbria Jazz comincia ad aprire in maniera più regolare a mondi diversi dal jazz. Nel ’93 Umbria Jazz presenta uno straord…
 
Ancora in attività (76 anni), Kenny Barron si è formato con il ..linguaggio pianistico del bebop emerso negli anni quaranta, e si è poi ..affermato come un pianista che rappresenta un po’ il canone del pianismo ..mainstream di matrice bop; tra i momenti più alti della sua carriera, ..memorabile la sua collaborazione con l’ultimo Stan Getz. Buster W…
 
La storia del duo piano/contrabbasso nel jazz rimonta al ’39-40, quando .Duke Ellington e il giovane Jimmy Blanton, strordinario talento mancato .purtroppo a soli 23 anni, registrano dei duetti rimasti celebri. Una .storia dunque lunga: la formula tuttavia per diversi decenni non ha .avuto una gran diffusione. Più spesso invece è stata utilizzata n…
 
Dopo avere aperto il suo set con In Walked Bud di Monk (vedi la puntata precedente), all’adorato Monk (a cui all’epoca aveva dedicato un album), Carmen McRae rende omaggio interpretando Round Midnight, Ask Me Now e ..Rhythm A Ning. Carmen McRae aveva cominciato a studiare il pianoforte a otto anni, ed è proprio come pianista e non come cantante che…
 
Carmen McRae è per la prima volta a Umbria Jazz nel 1989, come resident artist proprio alla chiesa di San Francesco al Prato che nell’87 aveva visto il trionfo di Gil Evans con la sua orchestra. La cantante afroamericana torna poi nel ’90, e si esibisce questa volta ai Giardini del Frontone, in una serata dedicata alla vocalità, ed è questo concert…
 
La Lega vola nei sondaggi, l'effetto Russiagate se c'è funziona al contrario e rafforza il partito di Salvini. A questo punto la domanda è una: quando si vota? Il leader leghista rischia il logoramento? Un'indagine del titolare di List e Lorenzo Pregliasco, fondatore di YouTrend, sul fenomeno di un governo eternamente litigante che ha un alto conse…
 
E’ una compagine di altissimo livello, piena di fuoriclasse, quella con ..cui Gil Evans si presenta a Perugia. I musicisti meritano di essere ..citati tutti: Lew Soloff, Shunzo Ono e Miles Evans (figlio di Gil), ..trombe, David Bargeron, tuba e trombone basso, George Lewis e Tom ..Malone, tromboni, John Clark, corno Francese, John Surman, sax barit…
 
A quanto pare quella di registrare integralmente la musica ..dell’orchestra di Gil Evans nelle serate all’edizione 1987 di Umbria ..Jazz fu un’iniziativa personale di Gianni Grassilli, il tecnico del ..suono che aveva la responsabilità di amplificare i concerti. Fu solo nel ..2000 che l’etichetta Egea decise di far uscire una scelta delle ..registr…
 
L’idea di avere la big band di Gil Evans come orchestra residente nel ..corso dell’edizione 1987 di Umbria Jazz era stata del patron della ..manifestazione Carlo Pagnotta: Pagnotta aveva convinto Gil Evans ad ..accettare l’incontro con Sting anche mettendo sul piatto appunto la ..proposta di diverse serate consecutive di esibizione dell’orchestra d…
 
Negli anni ottanta c’è una forte sintonia fra le scelte di Miles Davis (fra l’altro anche lui in cartellone nell’edizione ’87 di Umbria Jazz) e quelle di Gil Evans: tutti e due artefici di musiche molto distanti da quelle che avevano fatto nei primi decenni delle loro carriere, comprese quelle che avevano fatto assieme negli anni quaranta, cinquant…
 
L'ultimo brano che Gil Evans e Sting interpretano insieme è Tea in the Sahara, in cui c'è anche un pizzico di Walking on the Moon. Dalla sera successiva, cioè dal 12 al 19 luglio, la big band di Gil Evans tiene banco alla chiesa di San Francesco al Prato: questi concerti rafforzano ulteriormente lo fama della compagine di Evans come migliore orches…
 
Nel 1987, quando si presentò a Umbria Jazz, Sting aveva trentacinque anni, giusto quaranta in meno di Gil Evans, che ne aveva compiuti settantacinque in maggio. Sting era indubbiamente una star: un po' più strano lo status di Gil Evans. Il nome di Evans era inscritto negli annali della storia del jazz già da decenni: alla fine degli anni quaranta E…
 
Il materiale interpretato nella serata dell'11 luglio fu messo a punto nei mesi precedenti l'evento perugino. La scelta dei brani da mettere in scaletta risultò in equilibrio fra i repertori di Gil Evans e di Sting. Up From the Sky e Little Wing di Hendrix e There Comes a Time di Tony Williams facevano parte del repertorio dell'orchestra, ed erano …
 
La più memorabile fra le edizioni della seconda stagione di Umbria Jazz, quella degli anni ottanta, è l'edizione dell'87. Nell'87 torna per la terza volta Miles Davis, ma c'è anche una sua vecchia conoscenza, Gil Evans: il grande bandleader tiene banco con la sua orchestra nel corso di diverse indimenticabili serate alla chiesa di San Francesco al …
 
Fra i brani del concerto di Perugia nell'89 Tutu, il brano che apriva e aveva dato il titolo all'album di Davis uscito nel 1986. Il titolo era un riferimento all'arcivescovo sudafricano Desmond Tutu: il disco era uscito negli anni culminenti della lotta contro l'apartheid in Sudafrica. Verso la fine del brano uno dei musicisti esclama: "free South …
 
C'è stato un arco di anni molto fortunato, fra l'84 e il '91, in cui per molti appasionati estate era diventato sinonimo di Miles Davis. Dopo la svolta elettrica della fine degli anni sessanta, Miles Davis porta avanti la sua musica in maniera sempre più visionaria. Poi alla metà degli anni settanta il ritiro dalle scene: che torna a calcare all'in…
 
Protagonista tra i più straordinari e creativi della vicenda del jazz, Charles Mingus negli anni settanta fu spesso in Italia e divenne uno dei beniamini del pubblico di allora: per la bellezza della sua musica ma anche per la sua personalità. Figura carismatica, Mingus era proverbiale anche per il suo carattere non facile - di cui non mancò di dar…
 
Loading …
Google login Twitter login Classic login