Storie Italiane (Ig)note: Eroi e personaggi scomodi nella storia dell'attivismo italiano

27:43
 
Condividi
 

Manage episode 291368425 series 2694807
Creato da #Blackcoffee, autore scoperto da Player FM e dalla nostra community - Il copyright è detenuto dall'editore, non da Player FM, e l'audio viene riprodotto direttamente dal suo server. Clicca sul pulsante Iscriviti per rimanere aggiornato su Player FM, o incolla l'URL del feed in un altra app per i podcast.

La nostra rubrica Storie Italiane (Ig)note a cura di Adil Mauro (@lastanzadiadilpodcast) è di ritorno con un nuovo episodio!

Oggi, Adil vi racconterà le storie di due Giorgio. Uno lo conoscete già perché dall'estate del 2020, una fermata della metropolitana C di Roma ha il suo nome: Giorgio Marincola (1923-1945). Noto per essere un partigiano, ricordato anche per aver pronunciato queste parole: «Sento la patria come una cultura e un sentimento di libertà, non come un colore qualsiasi sulla carta geografica… La patria non è identificabile con dittature simili a quella fascista. Patria significa libertà e giustizia per i Popoli del Mondo. Per questo combatto gli oppressori…» Queste parole le pronuncia durante una trasmissione di Radio Baita costretto a parteciparvi, imprigionato da un reparto SS nel carcere di Biella , pochi mesi prima di morire il 4 maggio 1945 a soli 22 anni.

L'altro Giorgio invece è molto meno conosciuto, se non per dire sconosciuto. Di lui, infatti, si trovano solo una foto e una pagina Wikipedia che riassume la sua breve vita. Giorgio Vale (1962-1982) ucciso a soli vent'anni nel 1982, è stato un terrorista dei NAR (Nuclei Armati Rivoluizionari). Con Adil, abbiamo deciso di mettere queste due figure a confronto perché rappresentano la molteplicità della nerezza. Da una parte abbiamo Giorgio Marincola che viene ricordato e celebrato, mentre dall'altra abbiamo Giorgio Vale che è una figura talmente scomoda per tutti che è stato messo nel dimenticatoio della storia italiana.

42 episodi