J-TACTICS - Complotto di famiglia (S04 E26)

2:13:25
 
Condividi
 

Manage episode 326261196 series 2939582
Creato da J-TACTICS, autore scoperto da Player FM e dalla nostra community - Il copyright è detenuto dall'editore, non da Player FM, e l'audio viene riprodotto direttamente dal suo server. Clicca sul pulsante Iscriviti per rimanere aggiornato su Player FM, o incolla l'URL del feed in un altra app per i podcast.
Il titolo della ventiseiesima puntata della quarta stagione di J-TACTICS, trae spunto da "Complotto di famiglia", (Family Plot) che è un film del 1976 diretto da Alfred Hitchcock.
In una cittadina della California, vite parallele di due giovani coppie: Blanche Tyler e George Lumley da una parte, Fran e Arthur Adamson, dall'altra.
Blanche millanta qualità di medium e, con le sue sedute medianiche, racimola qualche decina di dollari cercando di mettere in contatto con lo spirito del marito defunto delle vedove in lutto.
L'amico George, un attore che si arrangia facendo il tassista e collabora con Blanche, raccogliendo qua e là informazioni sulle famiglie delle clienti, le fornisce dettagli sulla loro vita privata che lei poi ostenta, a riprova dei suoi poteri paranormali.
Arthur Adamson è il titolare di un'avviata gioielleria in città e ha un passatempo: la raccolta di grossi diamanti.
Con la complicità attiva dell'amante Fran, rapisce ricchi personaggi, che vengono rilasciati solo previo riscatto in pietre preziose.
Un'anziana e ricca signora si rivolge alla giovane veggente Blanche Tyler promettendole diecimila dollari se le ritroverà un nipote illegittimo abbandonato molti anni prima per il timore di uno scandalo e al quale ora, pentita, ella intende lasciare tutto il suo patrimonio.
Aiutata da George, Blanche si getta a corpo morto alla ricerca dello scomparso, e finalmente lo ritrova sotto le mentite spoglie di Arthur Adamson, il gioielliere.
Costui teme che l'interesse di Blanche e George per lui, del quale s'è accorto, abbia qualcosa che fare con la sua segreta attività criminosa.
Dopo un fallito tentativo di uccidere entrambi, il falso Adamson saprà dalla bocca stessa di Blanche il motivo delle sue ricerche, le circostanze - la giovane l'ha sorpreso nel bel mezzo di un sequestro di persona - lo convinceranno non esservi altra strada che quella di eliminarla inscenando un suicidio.
Il tempestivo intervento di George, però, non solo gli impedirà di attuare il suo piano, ma frutterà al tassista e alla sua amica la sostanziosa taglia posta sul capo del furfante e della sua amica.
Facendo la nostra solita trasposizione dalla cinematografia al mondo del calcio, ed in modo particolare alle vicende juventine, potremo utilizzare il titolo e le vicende narrate nella pellicola per analizzare il match andato in scena all’Allianz Stadium tra i bianconeri ed i felsinei rossoblù del Bologna.
Una partita che teoricamente non avrebbe avuto molto da dire dal punto di vista agonistico.
Una Juve lanciata verso il consolidamento del 4° posto, ultimo valido per la Champions League, ed un Bologna oramai salvo e con niente da chiedere a questo campionato che volge al termine.
Come molto spesso accade però la teoria non coincide con la pratica.
Anche nel match dello Stadium si è visto un qualcosa di totalmente diverso da ciò che si teorizzava.
La squadra di Allegri riacciuffa il Bologna soltanto nei minuti di recupero e con molta più fatica del previsto, con i rossoblù ridotti in 9 per effetto dei due rossi dell’arbitro Sacchi all'indirizzo di Soumaoro e Medel.
Il fortino eretto dai rossoblù cede soltanto al 95’, quando Vlahovic, a seguito di un calcio d’angolo, insacca di testa l’assist in rovesciata di Morata.
Giornata amara per Allegri ed i suoi uomini.
In realtà tutto ciò che ha riguardato Juve-Bologna è risultato essere ben diverso da ciò che ci si sarebbe aspettato, non solo la partita in sé, ma anche e soprattutto una serie di eventi "collaterali" ed inaspettati che potrebbero far ragionevolmente pensare ad una prossima rivoluzione in casa bianconera, o forse ad un "Complotto di famiglia", come il film da cui trae spunto l'odierna puntata di J-TACTICS.
Sabato 16 aprile 2022, a distanza di quasi dieci anni, (l'ultima volta fu il il 13 maggio 2012) Del Piero è tornato a vedere la Juventus allo Stadium.
La Juve opposta al Bologna, lo stadio esaurito, e tutti i presenti hanno deciso di omaggiarlo come era doveroso.
Alex si è affacciato dalle tribune e ha ricevuto un'ovazione, un'altra standing ovation, come quella di dieci anni fa, con il coro: "C'è solo un capitano".
Brividi, non solo per lui ma anche per tutti coloro che amano la Juventus.
Qualche brivido di gioia in meno forse per il presidente Agnelli, assente allo stadio e come noto in rapporti non esattamente idilliaci con l'ex capitano bianconero.
Secondo alcune indiscrezioni di mercato il ritorno di Alessandro Del Piero all'Allianz Stadium per assistere al match di campionato contro il Bologna potrebbe in qualche modo essere il segnale di un possibile ingaggio dell'ex capitano come nuovo dirigente della Juventus dalla stagione 2022/23.
Diversi giornali sportivi, avvalorerebbero la tesi secondo la quale Del Piero potrebbe avere un ruolo importante nella società bianconera che garantirebbe "juventinità" e competenza. Sarebbe un inserimento nei ranghi societari che farebbe molto piacere ai tifosi bianconeri, delusi dalle ultime stagioni disputate dalla propria squadra del cuore.
Ci azzardiamo a supporre tuttavia che una presenza così "ingombrante", molto meno positivamente verrebbe accolta dall'attuale presidente Agnelli.
Secondo molti infatti, non sarebbe stato casuale l'invito che la vecchia signora ha voluto fare all'ex bandiera e capitano di assistere al match contro il Bologna, anche se ufficialmente Del Piero era a Torino perché impegnato in un viaggio con la Juventus Los Angeles Academy di cui è responsabile oltre che uno dei tecnici.
Non solo Del Piero, il "Complotto" potrebbe avere radici più profonde e forse appunto una matrice "familiare", come il film del maestro Hitchcock.
Fra i rumors societari che riguardano i bianconeri ci sarebbe anche quella che vorrebbe Lapo Elkann pronto a fare il suo ingresso con un ruolo di primo piano nel club prossimamente.
In un tweet immediatamente successivo al match con il Bologna, il cugino del presidente Agnelli non è stato tenero scatenando un putiferio mediatico scrivendo: "C'è poco da stare allegri, Allegri".
Secondo alcuni l'esternazione del rampollo della famiglia Agnelli sarebbe solo lo sfogo di un tifoso deluso per il brutto risultato rimediato dalla compagine bianconera, ma probabilmente in realtà ha molto più peso di quanto possa sembrare.
Non è un segreto infatti che Lapo Elkann in futuro potrebbe/dovrebbe essere il successore di Andrea Agnelli al vertice della Juventus.
Le voci a tal proposito si sono moltiplicate e fatte più insistenti nell'ultimo periodo con un Lapo già a lavoro per la sua nuova ipotetica Juve.
Un nuovo ciclo bianconero che, in base alle parole del manager nato a New York, probabilmente non prevedrebbe Max Allegri in panchina.
Proprio come nella pellicola che da il titolo alla puntata di J-TACTICS, in cui abbiamo Blanche e George da una parte, Fran e Arthur, dall'altra, allo stesso modo Alex e Lapo potrebbero far fronte comune nei confronti di Andrea e Max.
Un "Complotto di famiglia " insomma, in perfetto stile Hitchcockiano.
Sarà nostro gradito ospite l’amico Riccardo Matere ideatore del sito Mondocalcisticoblog e del canale YouTube Mondo Calcistico TV ed autore del libro: "Allegriade".
Diteci la vostra, interagiremo con voi in chat live! ​ ​
Ecco i link dei nostri social:
CANALE TELEGRAM:
https://t.me/joinchat/AAAAAE2Dp-yj5b1N4SNcMQ
INSTAGRAM:
https://instagram.com/jtactics_?igshid=1fg7nrkzhl2mt
FACEBOOK:
http://m.facebook.com/jtacticsmdn/

335 episodi