Incontra te stesso con un senso di meraviglia - Kathryn Chapman, fotografa

18:46
 
Condividi
 

Manage episode 329953140 series 2931655
Creato da Elena Cobez, autore scoperto da Player FM e dalla nostra community - Il copyright è detenuto dall'editore, non da Player FM, e l'audio viene riprodotto direttamente dal suo server. Clicca sul pulsante Iscriviti per rimanere aggiornato su Player FM, o incolla l'URL del feed in un altra app per i podcast.

La fotografia l’ha aiutata a trovare una via unica all’autoguarigione: ora aiuta gli altri a ritrovare se stessi. Scopriamo il percorso personale e professionale di Kathryn Chapman, fotografa inglese.
"Avevo circa 8 anni quando ho incontrato la fotografia, avevo una macchina fotografica molto semplice, me l’aveva regalata mio padre. Quando la usai la prima volta, mi innamorai della fotografia. Ancora non so che cosa mi attrasse quella volta, penso che avesse catturato la mia immaginazione, e non mi ha più lasciato".
"Penso che quando ci ritroviamo, non sono sicura che ci ritroviamo mai completamente, ma non credo che ne abbiamo bisogno o che dovremmo farlo, perché siamo in continuo cambiamento. Non sono la stessa persona di ieri. Quindi oggi ho trovato la me stessa di oggi. E domani ho trovato il domani. Non sono io per sempre. Sono solo io adesso. Io in questo momento. E cambierà per sempre. Quindi è come se fosse una costante scoperta, non è vero? Il continuo svelarsi e svelare e scoprire e stupirsi e meravigliarsi di come cresciamo e ci sviluppiamo e cambiamo nella nostra vita. Così abbiamo più saggezza e più esperienza di vita. E possiamo offrirla alle persone che incontriamo e con cui interagiamo. È un continuo svelarsi, vero? "
"Quando parlo con i clienti di come le immagini li fanno sentire, arrivano a un punto in cui non hanno parole per descrivere come si sentono, e sono sicura che è così anche per il profumo. Sai come ti senti, ma non ci sono parole per descriverlo. È in quel momento che so che stiamo arrivando al cuore della connessione personale con chi siamo e con ciò che accade dentro di noi, quando non abbiamo parole, perché è molto più profondo delle parole. "

30 episodi